La Russia assume la presidenza di turno del Consiglio artico

·1 minuto per la lettura
featured 1340435
featured 1340435

Milano, 19 mag. (askanews) – La Russia assume la presidenza di turno del Consiglio artico, principale organizzazione intergovernativa per promuovere la cooperazione nella regione, che comprende anche Stati Uniti, Canada, Norvegia, Danimarca, Svezia, Finlandia e Islanda. E in questa occasione Mosca mostra al mondo con queste immagini la sua base militare più settentrionale situata nel remoto arcipelago della Terra di Franz Josef nell’Oceano Artico.

Costruita sulle rovine di un antico sito sovietico, tra orsi polari e ghiaccio, il complesso copre più di 14.000 metri quadrati. Totalmente autonoma in caso di anomalie naturali e non, per oltre un anno. Dotata di una centrale elettrica, un impianto per la depurazione dell’acqua e un impianto di riscaldamento. Oltre a una clinica, una palestra, un cinema, una sauna e persino una chiesa.

Tutte le strutture sono collegate da tunnel riscaldati, che consentono ai circa 150 militari di evitare il clima rigido esterno: le temperature da queste parti possono scendere fino a -42 gradi, ma nonostante i forti venti e le condizioni meteorologiche, la base ha anche un gigantesco aeroporto. È stato da lì che due caccia MiG-31, hanno completato un volo sul Polo Nord a marzo, il primo per la marina russa.

Chiaramente le immagini rappresentano uno sfoggio di muscoli dopo che Mosca ha rafforzato la sua presenza militare negli ultimi anni, in particolare dispiegando i suoi sistemi di difesa aerea S-400. Inoltre con la diminuzione della copertura di ghiaccio nell’Artico, la Russia spera anche di acquisire influenza economica e di utilizzare il canale di spedizione della rotta del Mare del Nord per esportare petrolio e gas verso i mercati esteri.

Servizio a cura di Cristina Giuliano

Montaggio di Alessandra Franco

Immagini Afp

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli