La Russia chiude la Ong Memorial: è protesta in piazza - FOTO

Addio alla Memorial International, la più antica organizzazione non governativa per la difesa dei diritti umani in Russia. La Corte Suprema di Mosca ha ordinato il suo scioglimento dopo averla etichettata come un "agente estero" (poiché riceveva finanziamenti da fondi internazionali) che non faceva gli "interessi della Russia" e poiché "denigrava la memoria dell'Unione Sovietica e delle sue vittorie", "riabilitando i criminali nazisti".

La Memorial International era stata fondata negli anni '80, prima della dissoluzione dell'Urss, dal fisico e premio Nobel per la pace Andrei Sakharov, scomparso pochi anni dopo. Il suo compito era quello di registrare le repressioni dei diritti umani da parte del regime sovietico, conservando in particolar modo quanto avveniva nei campi di prigionia (gulag).

Giornalisti e sostenitori della Memorial si sono dunque riuniti davanti alla Corte Suprema di Mosca, mercoledì 29 dicembre, per protestare contro la chiusura della ong.

VIDEO - Russia, chiusura ordinata anche per il Memorial Human Rights Center

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli