Draghi chiama Putin: "Un'iniziativa che ho sentito il dovere di prendere"

no credit

AGI - "Nel pomeriggio ho cercato il presidente russo Vladimir Putin per chiedere se si potesse far qualcosa per sbloccare il grano che è oggi nei depositi in Ucraina". Lo ha spiegato il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa riferendo che sentirà anche il presidente ucraino Zelensky. "È un'iniziativa che ho sentito il dovere di prendere. Per la gravità della crisi umanitaria che può toccare i più poveri del mondo".

Il Mar D'Azov è completamente sotto il controllo russo: lo riferisce l'agenzia russa Ria Novosti citando responsabili della Crimea e di Zaporizhzhia. "I porti delle revioni di Zaporizhzhia e di Kherson non saranno mai più ucraini", ha detto un esponente del consiglio russo per l'amministrazione civile-militare di Zaporizhzhia, Vladimir Rogov, riecheggiando le parole pronunciate nei giorni scorsi dal vicepremier della Crimea che dal 2014 e' controllata dalla Russia, Georgy Muradov.

Il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelenskiy ha respinto nuovamente l'idea che il suo paese ceda una porzione di territorio per fare la pace con la Russia. "Editoriali sintomatici hanno cominciato ad apparire su alcuni media occidentali affermando che l'Ucraina dovrebbe accettare i cosiddetti compromessi difficili rinunciando al territorio in cambio della pace".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli