La scissione nel Pd non è ancora finita, dice Rosy Bindi

alberto ferrigolo

In un'intervista al Corriere della Sera, Rosy Bindi, già ministro della Sanità e presidente della Commissione antimafia, dice di temere che la scissione del Pd “non sia finita qui” e prevede “altre uscite”. Il punto è che “Renzi ha incassato ministri e sottosegretari, è uscito con grande cinismo e tempismo e ora siede al tavolo del governo”. Un punto di forza, dunque, perché di certo Renzi “rivendicherà la golden share”.

Quanto alle ragioni della scissione, Rosy Bindi si dà l'unica spiegazione per lei possibile, ovvero sia che “Renzi, di cui non mi sono mai fidata, non sa star e in un partito dove non comanda” e con Salvini fanno di tutto “per alimentarsi a vicenda”. Nel suo tornare al Pd e al Nazareno, in particolare dopo l'andata via dell'ex premier e segretario del Pd, Bindi dice di aver trovato un clima che rispecchia “la consapevolezza della serietà del momento” in quanto questa sfida “si vince con una operazione culturale e politica molto forte e se diamo risposte ai gravi problemi dell'Italia, non se la interpretiamo come una mera operazione di potere”.

"L'immigrazione è una sfida strutturale"

Per l'ex presidente dell'Antimafia più che un nuovo partito serve il Pd “anche più di prima” e ritiene che quello di Zingaretti sia “il profilo giusto per questa fase in cui bisogna aprire porte e ricostruire” dopo la “desertificazione” operata da Renzi “perché le radici non erano profonde”. Quanto a quegli italiani che rimpiangono Salvini e i porti chiusi, Bondi osserva che “è cambiato il governo, ma le paure della gente non sono cambiate” e che la comunicazione con il Paese “si è interrotta nelle correnti profonde e solo una forza che fa del pluralismo la sua cifra può ristabilirla”. Insomma, “non si può liquidare il tema delle migrazioni ai porti chiusi o aperti, perché lì Salvini vince pure tra i cattolici”. Quindi ciò che deve trovare il coraggio di fare il Pd è dire che “l'immigrazione è una sfida strutturale per i prossimi decenni, non un'emergenza”.

Bersani deve rientrare? Risposta: “Per la loro dignità il problema non è rientrare, ma partecipare con il Pd a una nuova stagione costituente del centrosinistra”. Con i 5Stelle o senza? Alla domanda, Bindi risponde che “la vera sfida è lavorare sui tanti elementi positivi che ci sono e portare quella forza politica dentro il pieno percorso della democrazia costituzionale”.