La scommessa di Renzi: "L'operazione Responsabili è fallita"

Pietro Salvatori
·Giornalista politico, Huffpost
·2 minuto per la lettura
(Photo: Francesco Fotia / AGF)
(Photo: Francesco Fotia / AGF)

“L’operazione responsabili è fallita”. Quando parla con il suo cerchio più stretto Matteo Renzi è convinto: la maggioranza seguendo Giuseppe Conte si è cacciata in un vicolo cieco, i costruttori che possano sostituire Italia viva se ci fossero stati si sarebbero palesati, e invece i pontieri del governo continuano a inseguire fantasmi. Nelle valutazioni del leader di Italia viva l’indagine che ha investito il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa ha complicato in modo irrimediabile un’operazione già complessa, e cresce con il passare delle ore la convinzione che Pd, M5s e Leu abbiano una sola via d’uscita dal cul de sac: rimettersi seduti al tavolo con Iv.

Nella tarda serata di lunedì ha riunito i gruppi parlamentari, una riunione fiume durata fin quasi alle tre del mattino: “Il punto è che noi non abbiamo mai cambiato linea, sono gli altri che si muovono, noi abbiamo chiesto un cambio di passo, e su questo la linea è dritta”. Una strategia che, almeno nel breve periodo, ha convinto anche i più scettici, e che ha prodotto un comunicato diramato in mattinata e sottoscritto da tutti, deputati e senatori: “Ribadiamo con forza la necessità di una soluzione politica che abbia il respiro della legislatura e offra una visione dell’Italia per i prossimi anni, occorre un confronto privo di veti e pregiudizi”.

Per Renzi e per Iv non è ancora troppo tardi per tornare indietro. Lo scoglio delle comunicazioni sulla giustizia di Alfonso Bonafede si avvicina, ed è ancora più tagliente di quanto non si prospettasse. Dice uno dei pontieri della maggioranza: “Una delle difficoltà è che per eventuali responsabili di Iv e di Forza Italia il primo voto una volta fatto il grande passo sarebbe sul pacchetto giustizia di via Arenula, e sappiamo tutti che è probabilmente uno dei nostri temi più lontani...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.