La scomunica politica della Chiesa a Matteo Salvini

Maria Antonietta Calabrò
1 / 2

La scomunica politica della Chiesa a Matteo Salvini

Potra anche vincere le elezioni europee, ma non cosi

Potrà anche vincere le elezioni europee, ma non così. Non con il Crocifisso, con il Rosario o invocando la Madonna la cui corona di dodici stelle è l’emblema stesso dell’Unione europea, e ne costituisce la bandiera in campo blu come il manto della Vergine raffigurato nella iconografia popolare. In hoc signo non vinces, non vincerai utilizzando quel segno, è la reazione, compatta, del mondo cattolico contro Matteo Salvini.

Perché agli occhi del Vaticano il leader della Lega non può usare i segni della fede cristiana per chiedere al Cielo di vincere la prossima sfida elettorale. Non può strumentalizzarli in modo così plateale e irriguardoso, con tanto di fischi in piazza contro papa Francesco, che volente o nolente è - per un credente - la pietra scelta da Cristo stesso per edificare la sua Chiesa, e la pietra di inciampo per chi gli si rivolta contro.

Tra ieri ed oggi si è levata alta la voce di tanti altri credenti, cristiani e non. Le Chiese protestanti che si sono dette pronte ad ospitare i profughi della Sea Watch - come fece la Cei nel caso Diciotti - aprendo un cortocircuito dentro il Governo italiano. E a sua volta la Comunità ebraica di Roma ha preso una posizione politica forte contro la nuova destra e contro il suprematismo che avanza in Europa, perché “pensavamo di aver sconfitto quel male, ma dopo 70 anni quel male si è riaffacciato”.

Ma è con la Chiesa Cattolica che si consuma il più plateale scontro con Matteo Salvini. Una frizione che potrebbe trovare nuovo alimento nei prossimi giorni: Papa Francesco - che non ha mai voluto incontrare Salvini, neppure nell’occasione istituzionale della Festa della Polizia - domani pomeriggio parlerà all’Assemblea generale della Cei, riunita in Vaticano. Martedì mattina sarà la volta del presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti. Tutto a pochi giorni dal voto.

“Sono orgoglioso di andare in giro col rosario sempre in tasca - la replica di Salvini -. Noi stiamo garantendo più...

Continua a leggere su HuffPost