La scossa è stata avvertita poco prima delle due del mattino con epicentro a Pietracatella

Terremoto in provincia di Campobasso
Terremoto in provincia di Campobasso

Un terremoto di magnitudo 3.7 è stato registrato nella notte fra il 17 ed il 18 maggio in provincia di Campobasso, in Molise e i media spiegano che c’è stata un po’ di paura ma nessun danno, almeno secondo le prime segnalazioni del mattino. Il terremoto di magnitudo 3.7 è stato registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Campobasso ed ha avuto caratteristiche precise in termini di “violenza” di effetti. Il sisma è avvenuto alle ore 1.49 ad una profondità di 22 chilometri.

Terremoto di magnitudo 3.7 a Campobasso

Il centro più vicino all’epicentro è stato Pietracatella, un piccolo comune di poco più di 1.200 abitanti situato nella Valle del Fortore. Le coordinate geografiche del sisma qualificate in latitudine e longitudine sono state rispettivamente 41.5830, 14.8600. L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che ha monitorato l’evento, spiega che il sisma si è manifestato in termini di rilancio di energia cinetica ad una profondità di 22 km.

“Avvertito ma non ha causato danni”

Il terremoto è stato localizzato dalla Sala Sismica INGV-Roma. Secondo la scala Richter, un evento sismico di magnitudo 3.7 è classificato come terremoto “molto leggero” e descritto nel modo seguente: spesso avvertito, ma generalmente non causa danni. Secondo le prime segnalazioni e coerentemente con le caratteristiche generali del sisma non si registrano danni a persone o cose ma molte famiglie, malgrado l’ora fosse tarda, hanno distintamente avvertito la scossa. Nella mattinata polizia municipale e vigili del fuoco hanno effettuato uno screening a tappeto del territorio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli