La scrittrice Gamberale: coi social persa la vertigine del vuoto

·1 minuto per la lettura
featured 1553653
featured 1553653

Milano, 17 dic. (askanews) – “Ho la sensazione che gli adolescenti di oggi, al sicuro nella loro cameretta col loro smartphone, stiano correndo il rischio di non conoscere chi sono e quindi di attraversare le vita senza coglierne il succo più profondo. Questi straordinari strumenti sono arrivati a toglierci quella che è una grande occasione ma anche un annoso problema, stare in contatto con la persona che sei”. È la riflessione fatta dalla scrittrice Chiara Gamberale sugli adolescenti e i social che con i loro contenuti rischiano di privare i ragazzi dell’occasione di affrontare sentimenti fondamentali nella formazione dell’individuo come la noia e il vuoto.

L’occasione è la sua masterclass “Come parliamo quando parliamo l’amore”, per “Lezioni d’autore – TV Sessions”, in onda in prima tv lunedì 20 dicembre alle ore 21.10 su laF (Sky 135), on demand su Sky e su Sky Go.

“Parlare d’amore è una semplificazione, perché c’è sempre qualcos’altro in gioco: c’è il bambino che siamo stati, la smania d’assoluto che ci abita e ci agita, c’è la paura, il desiderio; e però, l’amore, per me, è stata e continua a essere la più straordinaria e tremenda occasione che abbiamo per conoscere la persona che siamo; anche e soprattutto quando l’amore ci fa male”, ha detto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli