La segnalazione, fatta dall’Unione degli Studenti lucani, arriverà presto sul tavolo della Ministra Lucia Azzolina

·2 minuto per la lettura
prof negazionisti augurano cancro studenti mascherina
prof negazionisti augurano cancro studenti mascherina

Due professori negazionisti hanno insultato i loro alunni, colpevoli – a loro dire – di credere ai media sulla pericolosità del Covid, e hanno augurato loro di prendere il cancro. “Conosco gente che ti viene a trovare ovunque tu stia”, minacciavano gli inseganti a chi indossava la mascherina. La vicenda, andata in scena a Melfi e riportata dalla Gazzetta del Mezzogiorno, è destinata a fare scalpore. Gli studenti del Liceo Scientifico Federico II di Svevia hanno accusato due docenti tra loro coniugati (ma uno dei due sarebbe in aspettativa) di averli minacciati e insultati. In alcuni post su Facebook, infatti, i prof avevano chiamato gli alunni “ritardati”.

Covid, prof negazionisti insultano alunni

La vicenda potrebbe presto arrivare sul tavolo della Ministra Lucia Azzolina. L’Unione degli Studenti di Melfi ha denunciato i due inseganti: “Dobbiamo purtroppo prendere atto che anche in una realtà piccola come quella di Melfi, si è verificato un evento indegno che però sicuramente merita l’attenzione di tutte le istituzioni competenti”. La denuncia è stata accompagnata da un fascicolo di screenshot che ritraggono i vari messaggi social dei due e anche messaggi mandati in privato.

Non riteniamo questi individui professori – scrivono così gli studenti -, perché non meritano di essere definiti tali in quanto i professori non sono questo, sono tutt’altro. La domanda è: può un docente, negazionista, che incita i propri followers e studenti a non indossare la mascherina, essere tale? Non saremo noi a deciderlo, ma il Ministero dell’Istruzione e il competente dell’Ufficio Scolastico Regionale cui abbiamo inviato alcuni post dei docenti. A tutti coloro che leggono questo comunicato, vogliamo dire che il Liceo di Melfi ha da sempre preparato e formato in maniera eccelsa tutti i suoi studenti e continuerà a farlo, nonostante questi incresciosi eventi, perché siamo sicuri che i docenti tutti, degni di essere definiti tali, la penseranno come noi”.