La senatrice sbotta contro i 'tagliatori di teste'

·3 minuto per la lettura
Emma Bonino lascia +Europa con parole durissime
Emma Bonino lascia +Europa con parole durissime

Emma Bonino lascia +Europa, lo fa con parole durissime sul tentativo di esautorare i vertici del partito da parte di una fronda. Un’opinione che accusa le divisioni e la linea poco chiara con cui una parte dello stesso invoca una nuova leadership. La senatrice ha annunciato al sua decisione all’assemblea nazionale e l’ha confermata per telefono a Fanpage.it. Fulcro della decisione della Bonino, abituata alla chiarezza sarebbero le fratture interne e la richiesta di una nuova leadership. Una richiesta formulata in un documento che Bonino ha sarcasticamente definito “pseudoanonimo”. Quella nota in buona sostanza chiede la testa dei vertici attuali. E la Bonino, che proprio quei vertici rappresenta, ha visto un grosso bersaglio disegnato sulle sue spalle ed ha risposto per le rime.

Bonino lascia +Europa: solo insulti

“Non c’è stato dialogo, ma solo insulti con termini che non vorrei ripetere, sulle chat, in tutti i modi possibili e immaginabili. Io personalmente non voglio stare più in questo partito, ma non è un grosso problema visto che faccio parte degli incompetenti e ignoranti. Non voglio partecipare a questo gioco al massacro, e me ne vado da sola a testa alta, fiera di quello che abbiamo fatto”. Parole durissime dunque, che fanno seguito a parole di innesco che sulle chat di partito hanno fatto maturare la sua decisione di lasciare. E Bonino non è caduta nel tranello di disarticolare il suo ruolo istituzionale da quello politico ed ha fatto chiarezza anche su questo.

“Rimetto il seggio al Senato”

Come? Rimettendo a disposizione “anche il seggio al Senato. La vostra cupidigia è senza limiti, ma è a disposizione non vi preoccupate. È già pronta, con il passaggio farsa deciso da fuori, la nuova leadership plurale, ma se si presenta con queste credenziali da epurazione io fossi in voi ci penserei un po’”. Più chiara di così: . “Me ne vado a testa alta prima che mi facciate fuori voi, perché così va a finire. Vi libererete dell’altro incompetente Benedetto (Della Vedova ndr) di tutta la sua cricca, come la chiamate voi. E’ pronta una nuova leadership molto più bella che passa sulla rottamazione di tutto quello che c’è stato, di cui io vado fiera”.

“Io ho le spalle larghe”

La chiosa è durissima: “Mi basta un segnale prima del congresso che il seggio del Senato vi viene restituito così come l’ho ottenuto. Voi riuscite a cacciare con ignominia per qualche leggerezza una persona infangandone la storia, l’immagine. Non mi resta che augurarvi buona fortuna e chiedervi se potete non disprezzare quello che ho fatto fin qui, se lo farete lo stesso ho le spalle larghe”.

Anche Della Vedova lascia

E a corredo delle dichiarazioni della Bonino è intervenuto proprio il segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova, che ha annunciato le sue dimissioni su Facebook : “Da molti mesi l’Assemblea di Più Europa non riesce a trovare un accordo sulle regole per celebrare il prossimo Congresso, che lo Statuto prevede che si svolga ogni due anni. C’è stata, nelle diverse sessioni dell’assemblea degli scorsi mesi, un’escalation di tensione interna che ha portato oggi Emma Bonino ad annunciare in queste condizioni il suo abbandono del partito È un’escalation che sento il dovere di interrompere, consentendo che la parola torni ai nostri iscritti il più presto possibile. Rassegnerò quindi le mie dimissioni da Segretario, atto che prevede automaticamente la convocazione di un nuovo Congresso entro tre mesi”. Della Vedova spiega poi che che intende ricandidarsi.