La settimana nel mondo - Medio Oriente e Africa -17-

Fth

Roma, 25 gen. (askanews) - Amnesty International ha aggiornato a oltre 600 il numero dei manifestanti uccisi in Iraq dall'ottobre 2019 e ha denunciato un forte aumento della repressione, con 12 manifestanti uccisi solo nell'ultima settimana, l'utilizzo di proiettili veri e granate lacrimogene a uso militare - queste ultime, per la prima volta da novembre - e un'ondata di intimidazioni, arresti e torture.

Sulla base delle testimonianze oculari raccolte e della validazione dei video ricevuti, l'organizzazione per i diritti umani è in grado di confermare che le forze di sicurezza irachene hanno ridato il là alla loro campagna di morte contro manifestazioni largamente pacifiche a Baghdad e in alcune città dell'Iraq meridionale. (Segue)

red/Mgi(Segue)