La settimana nel mondo - Medio Oriente e Africa -10-

Fth

Roma, 11 gen. (askanews) - Iraq/ Iraq, deputato Al Assadi: gli italiani restino, via le truppe Usa Italiani possono addestrare i nostri quadri di esercito e polizia

Roma, 7 gen. (askanews) - 'Vogliamo che i soldati italiani restino. Addestrano le nostre truppe. Ma via gli americani': è quanto ha detto al Corriere della Sera il deputato iracheno Ahmad al Assadi, della coalizione sciita al Fatah, vicina alle milizie legate a Teheran, spiegando la risoluzione approvata domenica scorsa dal parlamento di Baghdad per espellere i contingenti stranieri dopo l'uccisione del generale iraniano Qasem Soleimani.

'Ovvio che il contingente italiano può restare in Iraq con il compito di addestrare i nostri quadri dell'esercito e della polizia - ha detto - conta quasi 1.000 soldati, è il secondo in termini numerici degli oltre 70 contingenti che formano la coalizione internazionale, tanto importante per aiutarci a battere i terroristi di Isis negli ultimi anni. Più numerosi di loro sono solo gli americani. Ma con gli italiani in linea di massima potrebbero restare tutti gli europei e altri... l'importante però è che se ne vadano subito gli americani. Nessuno in Iraq può tollerare che restino dopo il terribile crimine che hanno commesso per volere diretto del bandito Trump, proprio qui, alle porte della nostra capitale. Il passo compiuto dal nostro Parlamento contro la presenza di truppe straniere nel nostro Paese nella sostanza riguarda solo gli americani'.

Sim(Segue)