"I 3 bambini ricoverati con sindrome simil-Kawasaki, negativi al Covid ma con gli anticorpi"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
(Photo: ozgurdonmaz via Getty Images)
(Photo: ozgurdonmaz via Getty Images)

Tra gli aspetti che restano ancora da chiarire quando si parla di Covid-19 c’è quello legato alle conseguenze sui bambini. Le evidenze e i dati raccolti in questi mesi testimoniano come i più piccoli, oltre a essere stati finora meno contagiati, sviluppano in genere sintomi meno gravi. Tuttavia non mancano casi in cui il virus ha conseguenze importanti anche su pazienti in tenera età. È il caso di tre bambini, di 5, 3 e 2 anni, ricoverati nelle scorse ore a Como con sindrome infiammatoria simil-Kawasaki probabilmente correlata al virus. I piccoli sono risultati negativi al Covid dopo un tampone molecolare, ma hanno mostrato di aver sviluppato gli anticorpi come emerso dal test sierologico. Questo, secondo il professor Angelo Ravelli, direttore della Clinica di Reumatologia dell’ospedale Gaslini di Genova e segretario del gruppo di studio Reumatologia della Società Italiana di Pediatria, significa che: “La sindrome simil-Kawasaki può manifestarsi anche settimane dopo l’infezione da coronavirus”.

Con i tre bambini sale a 36, in Italia, il numero di pazienti pediatrici che durante la seconda ondata della pandemia ha ricevuto diagnosi di sindrome infiammatoria Kawasaki e simil-Kawasaki. Ma fino ad oggi, sottolineano gli esperti della Società Italiana di Pediatria (Sip), non si è verificato alcun decesso e la situazione sembra essere sotto controllo.

All’HuffPost parla il dottor Angelo Selicorni, primario di Pediatria dell’Ospedale Sant’Anna di Como che ha accolto i tre piccoli pazienti. “A distanza di poche ore l’uno dall’altro si sono presentati presso la nostra struttura tre bambini la cui sintomatologia, ormai da qualche giorno, era caratterizzata da febbre elevata, successivamente associata a comparsa di eruzione cutanea, secchezza di labbra e bocca, debolezza generale - dice il primario dell’ospedale comasco - questo ci ha concesso di...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.