La situazione attuale disegnata dall'Istat mette in oggettivo pericolo i prossimi consumi di Natale

L'allarme Codacons sulla spesa e sull'inflazione
L'allarme Codacons sulla spesa e sull'inflazione

Sull’inflazione scatta l’allarme vero: per Codacons in Italia è emergenza nazionale e la situazione attuale disegnata dall’Istat mette in oggettivo pericolo i prossimi consumi di Natale. A dirlo in una nota è Carlo Rienzi, presidente Codacons, che spiega: “L’inflazione all’11,8% è una reale minaccia per la salute del nostro paese e determina una stangata record per gli italiani, considerata la totalità dei consumi di una famiglia tipo, pari a +3.625 euro annui”.

Inflazione, il Codacons e l’emergenza nazionale

Poi Rienzi sostiene: “Solo per gli alimentari (+13,5% ad ottobre) un nucleo si ritrova a spendere in media +752 euro su base annua e, come dimostrano i dati sulle vendite, i cittadini stanno reagendo tagliando la spesa per il cibo”. Il Codacons a questo punto parla di “una situazione che ora fa scattare l’allarme sui consumi di Natale perché gli italiani, di fronte ad una inflazione record, saranno costretti a tirare la cinghia anche sugli acquisti legati alle prossime festività”.

“Maglia nera” alla Sicilia con un più 14,4%

“Un danno enorme per il commercio e l’economia nazionale che il nuovo Governo deve assolutamente evitare, disponendo subito il taglio dell’Iva su alimentari e generi di prima necessità”. E a livello territoriale la crescita dei prezzi è fortemente diversificata: la “maglia nera” dell’inflazione spetta ad ottobre alla Sicilia, con i listini al dettaglio che crescono in media del 14,4% su base annua, determinando una stangata, considerati i consumi di una famiglia residente nell’isola, pari a +3.487 euro a nucleo.