La Slovenia vuole cancellare la Bosnia Erzegovina? Il caso del documento mandato a Bruxelles

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·1 minuto per la lettura
map of Bosnia and Herzegovina through magnifying glass (Photo: naruedom via Getty Images/iStockphoto)
map of Bosnia and Herzegovina through magnifying glass (Photo: naruedom via Getty Images/iStockphoto)

La Slovenia ha in mente di disintegrare la Bosnia Erzegovina? Il premier sloveno Janez Jansa, secondo quanto affermano i media bosniaci, ha recentemente consegnato al presidente del Consiglio europeo Charles Michel un non-paper - a febbraio - in cui avrebbe annunciato che una delle priorità della prossima presidenza slovena dell’Ue sarà quella di completare la “disintegrazione dell’ex Jugoslavia” e in particolare la separazione in seno alla Bosnia-Erzegovina - con la concessione di più territori a Croazia e Serbia - modificando al tempo stesso i confini del Montenegro, dell’Albania e della Macedonia del Nord.

Jansa ha smentito tale notizia affermando che la Slovenia sta cercando seriamente di trovare possibili soluzioni per la Regione, mentre l’ambasciatrice slovena a Sarajevo, Zorica Bukinec, è stata invitata per un incontro dal membro croato della Presidenza bosniaca Zeljko Komsic.

Quest’ultimo ha confermato le voci secondo cui il presidente sloveno Borut Pahor, in occasione di una recente visita a Sarajevo, ha chiesto ai tre componenti della presidenza bosniaca se sarebbe stata possibile una separazione pacifica in seno alla Bosnia-Erzegovina. Komsic e il musulmano Sefik Dzaferovic hanno risposto di no, mentre il serbo Milorad Dodik si è detto di parere opposto. In quell’occasione, ha osservato Komsic, Pahor ha detto che certi ambienti dell’Ue ritengono che bisogna prima concludere il processo di disintegrazione dell’ex Jugoslavia e solo successivamente far aderire la Regione all’Ue.

Un’ulteriore smentita è arrivata dal ministro degli Esteri sloveno. La strategia nei confronti dei Balcani occidentali “non è cambiata”, ha detto Anze Logar, nel corso di un’audizione presso la commissione Esteri del Parlamento sloveno. Il governo, ha detto Logar, deciderà qualunque tipo di cambiamento in stretto coordinamento con il Par...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.