La sorella di Kim Rossi Stuart: "Mio figlio bipolare ancora in carcere. È malato, non criminale: non ce la fa più"

HuffPost
Loretta Rossi Stuart e suo figlio

“Giacomo l’ho visto ieri, resiste ma non ce la fa più. Non possiamo più tollerare che sia ancora lì devono dialogare il Serd (Servizi per le Dipendenze patologiche), il Cim (Centro igiene mentale) e Rebibbia. Il magistrato che segue Giacomo è sensibile e pronto a trovare una soluzione ma ancora la risposta non sta arrivando, io l’aspetto”. Sono le parole di Loretta Rossi Stuart, sorella dell’attore Kim Rossi Stuart.

Il discorso, riportato dall’Adnkronos, è stato pronunciato al termine del convegno ‘Io combatto’ sulla sua battaglia per il figlio Giacomo Seydou Sy, ragazzo affetto da disturbo bipolare costretto in carcere per mancanza di posti nelle Rems (Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza). 

Giacomo ha 25 anni, ama il pugilato e il rap. Si trova in carcere per un furto da 60 euro e da sette mesi dietro le sbarre in attesa di un posto in una Rems. “Non è un criminale ma un ragazzo bipolare che appena tocca la droga va fuori di testa - dice la madre nel docufilm ‘Io combatto’ che racconta i sette anni della sua lotta per la salvezza del figlio - Ho fatto il possibile come madre ma non sono riuscita a fare anche il padre. A mio figlio continuo a dire ‘combatti e sali sul podio della vita’”.

“Giacomo è sequestrato all’interno di un carcere, sta in un posto dove non dovrebbe stare - ha detto il Garante dei Detenuti di Roma Stramaccioni - Il magistrato da un anno ha prescritto l’inserimento in una Rems ma da gennaio a oggi i posti non si sono liberati e Giacomo a 25 anni si ritrova rinchiuso a Rebibbia”.

“La permanenza in carcere è dannosa per lui. Il nostro è un grido per i tanti Giacomo che troviamo nelle carceri. Parliamo di numeri contenuti una media di 40-50 persone nel Lazio che aspettano di essere curate in luoghi idonei”. Stramaccioni si è chiesta come sia possibile che dopo la “benedetta chiusura degli Opg non ci siano dei percorsi alternativi che non è detto siano automaticamente le...

Continua a leggere su HuffPost