La Spagna come l'Italia, ha superato la Cina per numero di morti

La Spagna ha superato il numero di decessi registrati in Cina a causa del coronavirus. Ora, con 3.434 morti, 738 in più rispetto a ieri (un aumento del 27%), è seconda al mondo dopo l'Italia che conta 6.820 vittime. Il numero di contagiati è a 47.610, di cui 7.937 nelle ultime 24 ore con un incremento del 20%. Gli ospedali sono sempre più in sofferenza con 3.166 persone ricoverate in terapia intensiva, 530 nelle ultime 24 ore. Sono 1.573 le persone curate da ieri, portando il totale dei guariti a 5.367, secondo i dati forniti dal ministero della Salute.

Dopo una settimana e mezza di quarantena quasi totale per i cittadini, con lo stato di allarme che sarà prorogato fino all'11 aprile, il governo ha ripetutamente messo in guardia sul fatto che questa settimana sarà "difficile", sebbene sia fiducioso di essere vicino al raggiungimento del picco di contagio. Nonostante abbia registrato il più alto numero di vittime nel Paese dall'inizio dell'epidemia, il ministero della Salute ha anche registrato un forte aumento del numero di pazienti guariti.    

Più della metà dei decessi (53%) è concentrata nella regione di Madrid, la più colpita dall'epidemia: solo nelle ultime 24 ore sono morte 290 persone. Il direttore del Centro di coordinamento dell'emergenza sanitaria, Fernando Simón, trova comunque un elemento positivo: ha riferito che l'aumento del 20% dei casi diagnosticati di Covid-19 è "inferiore" rispetto a quello registrato la scorsa settimana ed equivalente a quello osservato negli ultimi giorni. Per questo motivo, insiste sul fatto che la Spagna si stia avvicinando al picco della pandemia. Avverte tuttavia che il sistema sanitaria continuerà a essere messo sotto notevole sforzo nei prossimi giorni. 

Con queste cifre, la Spagna è il secondo Paese in Europa con la maggior parte dei casi del nuovo coronavirus, seconda solo all'Italia con 69.176 casi, e davanti alla Germania, che ha 27.436 contagi e 114 morti, Francia (22.302 casi e 1.100 morti), Svizzera (8.836 positivi e 86 morti) e Regno Unito (8.077 casi e 442 deceduti).