La Spezia, caporalato nei cantieri degli yacht: 8 arresti

·1 minuto per la lettura
La Spezia, caporalato nei cantieri degli yacht: 8 arresti
La Spezia, caporalato nei cantieri degli yacht: 8 arresti

Roma, 10 nov. (askanews) – Operai, per lo più bengalesi, sfruttati e sottopagati nei cantieri per realizzare yacht di lusso. I finanzieri del comando provinciale di La Spezia hanno eseguito otto ordinanze di custodia cautelare (sette in carcere e una ai domiciliari) in un’operazione contro lo sfruttamento del lavoro e il caporalato tra La Spezia ed Ancona.

Grazie a una serie di controlli su una società che operava presso importanti cantieri spezzini le Fiamme Gialle hanno scoperto e disarticolato un sodalizio criminale che sfruttava decine e decine di operai extracomunitari, costretti a turni di lavoro massacranti anche di 14 ore senza riposo, in attività pesanti e pericolose, sottopagati a 4-5 euro l’ora, sorvegliati a vista dai “caporali” e spesso minacciati, offesi e percossi.

Nell’operazione sono stati anche sequestrati beni per circa un milione di euro.