La storia della centenaria napoletana che durante l'isolamento è diventata ricca

·2 minuto per la lettura
Muore investito mentre raccoglie i soldi volati dal finestrino
Muore investito mentre raccoglie i soldi volati dal finestrino

Una storia che ha dell’incredibile proviene da Napoli, dove un’anziana signora è sopravvissuta al Covid ed è stata baciata dalla fortuna: ha trovato un buono postale di 40 anni fa, che vale 482mila euro.

A 100 anni sconfigge il Covid

Si potrebbe dire che il Covid, ad Angela D’Ottavio, ha portato fortuna: la donna, 100 anni compiuti, ha sconfitto il virus. Ma non basta: è anche diventata ricca. L’incredibile storia comincia nel novembre 2020, quando l’anziana, a causa del coronavirus, si ritrova costretta a passare l’isolamento tra le mura domestiche. E, come molti, decide di dedicarsi alle faccende di casa, mettendo in ordine in cassetti e armadi. Tra una pulizia e l’altra, un giorno la signora D’Ottavio trova un buono postale risalente al 1986. Era stato emesso da suo padre, e poi dimenticato in un cassetto. Così Angela, terminato il periodo di isolamento e guarita dal Covid, ha deciso di incassarlo. Non avrebbe mai immaginato, però, che la cifra fosse così alta: 482mila euro.

Anziana napoletana diventa ricca

“Il buono fruttifero rinvenuto da Angela le era stato fatto dal padre con la propria liquidazione e aveva un valore nominale di 50 milioni di lire perché l’importo a cui aveva diritto l’anziana, era molto di più di quello stabilito in un primo momento da Poste italiane” spiegano gli avvocati Luigi De Rossi e Samantha Faiella. Alla signora era infatti stato comunicato un importo effettuato “con un calcolo al ribasso ammontante a poco più di 200mila euro -spiega De Rossi-. In realtà ad un esame più attento della giurisprudenza di merito e delle recenti decisioni dell’Arbitrato Bancario Finanziario è emerso che l’importo dovuto era praticamente più del doppio di quello prospettato da Poste italiane”. Così la signora D’Ottavio ha riscosso l’importante somma, e sa già come utilizzarla: “Questi soldi mi serviranno anche per fare tanta beneficenza“.