La storia dell'ambulanza che circola senza pazienti: il video è virale

·2 minuto per la lettura
ambulanza che gira a vuoto
ambulanza che gira a vuoto

Un uomo insegue un’ambulanza per le strade di Portici, Ercolano e Torre del Greco in provincia di Napoli e che arriva all’ospedale Maresca vuoto. Questo è ciò che si vede in un video diventato virale e condiviso sui vari social dando vita tra l’altro a varie polemiche specialmente da parte di complottisti e negazionisti che sostengono che il fatto che un mezzo di soccorso circoli vuoto, sarebbe la prova che il fine ultimo sia quello di spargere il terrore e che dunque non esisterebbe nessuna emergenza sanitaria. La realtà dei fatti è naturalmente un’altra e anzi, il fatto che l’ambulanza abbia circolato vuota non significa assolutamente che non ci siano emergenze in atto.

Ambulanza che gira a vuoto per spaventare

Il fatto che un’ambulanza giri vuota è una prova sufficiente che questa pandemia non sia un’emergenza? Sì secondo complottisti e negazionisti. È diventato virale infatti un video di un’ambulanza che gira con le sirene accese per le strade di alcuni comuni della provincia di Napoli arrivando poi vuota all’ospedale Maresca di Torre del Greco. Il filo conduttore e la tesi sia di chi ha ripreso il video (mentre guidava ndr) sia delle persone che hanno commentato è sempre lo stesso: le ambulanze girano a sirene spiegate completamente vuote perché l’obiettivo è quello di seminare il panico e il terrore. “Che bello, l’ambulanza che gira a vuoto seminando il panico”, scrive un utente di Facebook che ha condiviso il video.

immagine dal video
immagine dal video

Le parole di Francesco Piscitelli

La tesi però è stata ampiamente smentita. Il presidente del Comitato di Ercolano della Croce Rossa Francesco Piscitelli ha dichiarato a questo proposito a Fanpage.it: “Quella mattina una delle nostre due ambulanze è stata ripresa in un video mentre stava tornando all’ospedale Maresca di Torre del Greco. L’equipaggio era intervenuto alle 5 in casa di un paziente sospetto Covid che necessitava di ossigeno; intorno alle 7 un parente dell’uomo aveva reperito una bombola e l’ambulanza stava quindi tornando in postazione.

Attualmente per i mezzi di soccorso c’è una lista di attesa, le ambulanze effettuano un intervento dopo l’altro, con la sola pausa della sanificazione, ed i tempi sono limitati: per questo l’equipaggio ha usato la sirena che, come prevede la legge, va disattivata quando c’è la strada libera o una volta arrivati nei pressi dell’ospedale”.