La storia di Alan Willson

·2 minuto per la lettura
Alan Willson
Alan Willson

Alan Willson, uomo britannico di 46 anni, è ricoverato in coma al royal Sussex County Hospital di Brighton, a sud di Londra, per essere stato aggredito mentre difendeva il figlio di 11 anni dai bulli. Una storia terribile, avvenuta durante la domenica delle Palme.

Padre picchiato davanti al figlio: è in coma

Alan Willson è stato picchiato brutalmente, fino ad essere ridotto in fin di vita da un gruppo di teppisti minorenni. Era intervenuto per difendere il figlio di 11 anni dai bulli. I giovani lo hanno lasciato a terra esanime in una pozza di sangue in una stradina del parco di Worthing, nel West Sussex. L’uomo si era recato sul posto per sgridare i minorenni, che stavano tormentando il figlio di 11 anni che lo aveva chiamato per chiedergli aiuto. I teppisti non si sono fatti spaventare dalla presenza di un adulto, anzi lo hanno aggredito e picchiato, accandendosi su di lui anche mentre era già a terra. Il tutto davanti agli occhi del figlio di 11 anni, che è stato costretto a guardare.

L’uomo è stato trasportato d’urgenza in elicottero nell’ospedale più vicino, dove è stato sottoposto ad un intervento d’urgenza al cervello. “Sta combattendo per la sua vita con emorragie multiple al cervello” ha spiegato la moglie Annie ai giornali locali, rivelando che il marito ha riportato anche traumi polmonari e fratture multiple, come alcune lesioni alla colonna vertebrale. La famiglia ha paura che i danni cerebrali siano irreversibili. La polizia, grazie alla testimonianza del figlio, ha arrestato i responsabili del pestaggio. Sono cinque minorenni che devono rispondere di tentato omicidio e lesioni personali gravi. Sono stati arrestati e poi rilasciati a causa dell’età, ma restano soggetti a restrizioni, come il divieto di incontrarsi. Il ragazzino di 11 anni è rimasto sotto shock per quanto accaduto al padre.