La storia di Cosimo, rimasto solo in classe

Cosimo
Cosimo

Il piccolo Cosimo, di soli 9 anni, che frequenta la scuola elementare La Pila di Firenze, non è potuto andare in gita con i suoi compagni ed è rimasto da solo in classe. Non è stato trovato un bus per disabili.

Firenze, la scuola non trova il bus per disabili: Cosimo non va in gita e resta solo in classe

La scuola non ha trovato un bus per disabili, per questo Cosimo, di 9 anni, è rimasto da solo in classe mentre i suoi compagni sono andati in gita. “Questo è un atto di vera e propria discriminazione nei confronti di mio figlio” ha dichiarato Duccio Massaini, il papà di Cosimo, affetto dalla sindrome di McCune-Albright-Sternberg, o sindrome fibrosa poliostosica. Il bambino frequenta la scuola elementare La Pira di Firenze, che aveva organizzato un’uscita di classe all’isituto Saffi per un progetto sullo stare bene a tavola e i comportamenti da tenere. “E già questo mi pare comico…” ha commentato Duccio al Corriere della Sera e a La Nazione.

Inizialmente questa gita sarebbe dovuta essere il giorno dello sciopero, per poi essere spostata al 31 maggio. Venerdì scorso la maestra ha detto a mia moglie che avremmo dovuto portare noi famiglia il bambino direttamente alla struttura, perché la scuola non aveva trovato il pulmino adibito anche alla carrozzina. Purtroppo io ho aperto un’attività da poco e non ho la patente, mia moglie aveva un appuntamento improrogabile, e abbiamo spiegato che non saremmo riusciti a portarlo. Poi però mi sono cascate le braccia, perché il giorno della gita ho accompagnato Cosimo in classe, dove era con la sua maestra di sostegno, e pochi minuti dopo ho visto la sua classe prendere l’autobus di linea alla fermata, e mio figlio era stato lasciato in classe. Tutti i mezzi di trasporto pubblico hanno la pedana per le carrozzine, quindi semplicemente la scuola non ha voluto portare Cosimo in gita, e adesso voglio sapere perché, voglio delle risposte” ha spiegato il padre del bambino.

Il commento della scuola

Secondo la scuola le cose sono andate diversamente. “Le insegnanti hanno verificato se ci fossero bus e pulmini per disabili a disposizione, il bus c’era, ma i pulmini per disabili no, così le maestre hanno avvisato la famiglia ed è stato concordato che i genitori avrebbero accompagnato personalmente il figlio al Saffi. La mattina però il padre ha portato l’alunno a scuola dicendo che avevano deciso che non sarebbe andato e sarebbe rimasto in classe con l’insegnante di sostegno. L’insegnante di sostegno ha fatto presente che sarebbe stato spiacevole per lui vedere gli altri compagni andare via ma il padre ha replicato che il bambino era d’accordo. Poi invece c’è rimasto male. La soluzione trovata venerdì tra insegnanti e famiglia sembrava mettere d’accordo tutti, invece poi c’è stato un cambiamento nelle decisioni della famiglia. Se le insegnanti avessero saputo che la soluzione trovata non andava bene, avrebbero riprogrammato la gita per una data in cui fossero stati disponibili i mezzi per tutti” ha commentato il preside Maurizio Gagliardi. “La scuola non può scaricare sui genitori il compito dell’accompagnamento alla gita, è una questione che devono sapere risolvere autonomamente perché tutti i bambini, indipendentemente dalla disabilità, devono avere gli stessi diritti. La scuola dovrebbe essere il luogo dell’inclusione, e invece questo spiacevole episodio ci dimostra che paradossalmente è avvenuto il contrario” ha risposto Massaini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli