La storia struggente dietro la foto virale di una bimba in lacrime

Dominique Mosbergen

Una fotografia scattata la settimana scorsa nella valle del Rio Grande è diventata virale, accolta come una testimonianza struggente del dolore e della disperazione di quelle famiglie che, complici le politiche dell'amministrazione Trump, ogni giorno vengono separate al confine tra Stati Uniti e Messico .

La scatto è opera di John Moore, fotografo vincitore del premio Pulitzer Getty Images, e mostra una bambina di 2 anni con indosso un maglione rosa acceso che piange disperata mentre guarda sua madre. La faccia della donna non è visibile nella foto ma, secondo Moore, stava subendo perquisizione da parte di un agente statunitense.

"[Alla madre] era stato detto di mettere giù la bimba per essere perquisita. La piccola ha immediatamente iniziato a piangere", ha dichiarato il fotografo domenica a NPR riguardo quegli angosciosi istanti. "Mi sono limitato a scattare delle foto e sono stato quasi sopraffatto dall'emozione".

Stando a quanto dice Moore, poco dopo lo scatto, la madre e la bambina sono state caricate su un furgone con un gruppo di altri migranti privi di documenti per essere condotti in un centro di smistamento. Non si sa cosa ne sia stato di loro.

Moore, che si dedica a fotografare il confine tra Stati Uniti e Messico da oltre un decennio, dice di aver avuto modo di conversare brevemente con la madre prima che questa venisse portata via insieme alla sua piccola. La donna, originaria dell'Honduras, avrebbe riferito di essere in viaggio da un mese intero, ormai allo stremo: ecco il racconto che Moore ha fatto al sito FOTO di Getty Image la settimana scorsa.

Negli ultimi mesi, il numero di migranti honduregni arrestati dalle pattuglie di frontiera è risultato in aumento, mentre l'Honduras, il secondo paese più povero dell'America centrale, continua ad essere dilaniato dalla guerra tra bande e dall'instabilità politica.

Sempre su foto.gettyimages.com, Moore ha affermato che molti dei migranti da lui fotografati la scorsa settimana erano...

Continua a leggere su HuffPost