La strana invenzione per risolvere il problema degli uomini seduti a gambe larghe

Laila Laurel con le due sedie realizzate. A destra la sedia anti-allargamento delle gambe, a sinistra la sedia per donna che incoraggia una seduta a gambe più larghe. (Foto: University of Brighton/Mercury Press/Caters News)

Sai cos'è il manspreading? Si tratta di un comportamento tipico dei maschi, in particolar modo messo in pratica sui mezzi pubblici come metropolitana e autobus, o in occasione di eventi con un grande numero di persone (cinema all'aperto, conferenze, teatri). La definizione? Il maschio tende spesso a scivolare in avanti sulla sedia con il sedere, aprendo le gambe a V e invadendo lo spazio attorno alla sua seduta, in alcuni casi occupando letteralmente due posti.

QUesto atteggiamento è sinceramente mal sopportato da un grande e crescente numero di donne, per questioni di pari opportunità prima di tutto. La compostezza ed eleganza delle donne sedute su un sedile di un treno è incomparabile rispetto alla classica posizione maschile da trono regale.

Ebbene, la studente Laila Laurel, dell'Università di Brighton, ha pensato a una soluzione. La ragazza 23enne, che avrà presto l'onore di ottenere la laurea in Design (con specializzazione in materia 3D), ha vinto grazie a questa invenzione un importante premio nell'ambito del settore design - vale a dire il Belmond Award consegnatole a Londra.

In che cosa consiste, l'invenzione? Trattasi di due sedie, realizzate per parificare i due sessi quando si siedono. Per l'uomo c'è la sedia anti-allargamento delle gambe, larga in fondo e stretta in prossimità delle ginocchia, con un bordo rialzato per invitare il maschio a non sovrastarlo con le gambe. Per la donna c'è una sedia invece speculare, stretta in fondo e larga in prossimità delle ginocchia, con una protuberanza posizionata in modo tale da lasciare spazio tra le due gambe della donna che la usa.

In sostanza, con queste sedie l'uomo è portato a mantenere le gambe meno larghe del solito, mentre la donna ha più spazio per la comodità rispetto alla situazione normale. Messe vicino, producono il loro effetto in qualsiasi evento ove maschi e femmine siedono gli uni accanto alle altre. Le sedie sono state realizzate in legno, ma l'idea si può facilmente esportare anche su altri materiali in modo da vederne l'utilizzo anche sui mezzi pubblici.