La sua bici da corsa ha impattato prima sul veicolo, poi contro il palo che non gli ha dato scampo

·2 minuto per la lettura
Giorgio Favilla
Giorgio Favilla

Incidente mortale a Marina di Pisa dove nella mattinata di domenica 27 giugno un ciclista è stato investito da un’auto: è morto così, a 74 anni, il povero Giorgio Favilla. L’uomo è spirato in ospedale dopo il violento urto contro una Fiat Panda e il conseguente devastante impatto contro un cartello stradale posto ai margini della carreggiata. Favilla è morto presso il Dea ospedaliero di Cisanello, dove era stato trasportato a razzo dai soccorritori allertati immediatamente dopo l’incidente.

Ciclista morto investito da un’auto: addio a Giorgio Favilla

Incidente questo, purtroppo non il primo del genere, che è avvenuto intorno alle 8.30 del mattino sul viale del Tirreno, per l’esattezza tra i bagni Zara e Sardegna. Subito dopo quel doppio urto erano stati proprio alcuni membri degli staff dei due stabilimenti balneari e dei volontari della Pubblica Assistenza del Litorale Pisano a correre per primi in aiuto del 74enne riverso a terra; purtroppo a nulla sono servite le protezioni standard che Favilla indossava, né le manovre di primissimo e primo soccorso successive all’incidente. L’uomo è spirato infatti a seguito di un trauma fatale che si era procurato durante il secndo urto. Le forze dell’ordine accorse sul posto hanno effettuato i primi rilievi del caso.

Ciclista morto investito da un’auto: la corsa per salvare Giorgio Favilla

La corsa del mezzo di intervento della Misericordia di Pisa è stata frenetica ma vana. Purtroppo con l’arrivo della bella stagione e l’allentamento delle misure anti covid sono aumentate anche le occasioni di “contatto” fra ciclisti ed automobilisti, a volte con conseguenze gravi, altre e spesso con conseguenze nefaste per i secondi. Favilla era residente ad Antignano, nella ex zona rurale livornese che oggi di fatto costituisce la parte meridionale della città. Sulle strade del luogo dove ha trovato la morte il ciclista era molto conosciuto, soprattutto per essere una persona attenta al governo su strada della sua bici da corsa.

Ciclista morto investito da un’auto: l’addio dell’amico a Giorgio Favilla

Era un appassionato vero di ciclismo ed una persona che aveva sempre cercato ed ottenuto la forma fisica in barba all’anagrafe, stimato da tutti e molto considerato nella sua comunità proprio per il dinamismo innato che metteva in ogni cosa facesse. Sulla pagina Facebook dell’amico e compagno di passione Marco è comparso un toccante messaggio: “Ci Mancherai Giorgio, riposa in pace”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli