La "Testa di orso" di Leonardo venduta per 8,8 milioni di sterline

·2 minuto per la lettura
A gallery employee poses with a drawing by Italian polymath Leonardo da Vinci entitled 'Head of a Bear' during a photocall at Christies auction house in central London on June 3, 2021. - RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY MENTION OF THE ARTIST UPON PUBLICATION - TO ILLUSTRATE THE EVENT AS SPECIFIED IN THE CAPTION (Photo by Tolga Akmen / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY MENTION OF THE ARTIST UPON PUBLICATION - TO ILLUSTRATE THE EVENT AS SPECIFIED IN THE CAPTION / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY MENTION OF THE ARTIST UPON PUBLICATION - TO ILLUSTRATE THE EVENT AS SPECIFIED IN THE CAPTION (Photo by TOLGA AKMEN/AFP via Getty Images) (Photo: TOLGA AKMEN via Getty Images)
A gallery employee poses with a drawing by Italian polymath Leonardo da Vinci entitled 'Head of a Bear' during a photocall at Christies auction house in central London on June 3, 2021. - RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY MENTION OF THE ARTIST UPON PUBLICATION - TO ILLUSTRATE THE EVENT AS SPECIFIED IN THE CAPTION (Photo by Tolga Akmen / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY MENTION OF THE ARTIST UPON PUBLICATION - TO ILLUSTRATE THE EVENT AS SPECIFIED IN THE CAPTION / RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY MENTION OF THE ARTIST UPON PUBLICATION - TO ILLUSTRATE THE EVENT AS SPECIFIED IN THE CAPTION (Photo by TOLGA AKMEN/AFP via Getty Images) (Photo: TOLGA AKMEN via Getty Images)

La “Testa di orso” di Leonardo da Vinci è stata venduta per 8,8 milioni di sterline (10milioni e 327mila euro) dalla casa d’aste londinese Christie’s. Si tratta del disegno leonardesco più costoso mai finito sul mercato, ha superato anche il record dello studio di ‘Cavallo e cavaliere’, battuto sempre da Christie’s, nel 2001, per 8.143.750 sterline.

Resta sconosciuta, al momento, l’identità dell’acquirente. Lo studio approfondito della testa dell’animale, che misura appena 7 x 7 cm, è uno degli otto disegni superstiti di Leonardo ancora in mani private al di fuori della British Royal Collection di Windsor e delle Devonshire Collections di Chatsworth. Il volto dell’orso ricorda quellodell’ermellino presente ritratto di Cecilia Gallerani o “Dama con l’ermellino” di Leonardo ora al Museo di Cracovia.

Partito da una stima di 5 milioni di sterline come lotto principale della ‘Exceptional Sale’, il disegno è stato al centro di una gara tra diversi collezionisti collegati al telefono e presenti in sala. Il martello si è fermato sulla cifra di 8.857.500 sterline, tasse comprese: un prezzo da primato, ma comunque lontano dalle attese che stimavano la micro opera fino a 12 milioni di sterline.

L’opera fu realizzata a punta d’argento su carta preparata, tecnica ereditata dal celeberrimo maestro Verrocchio. Il disegno della “Testa di orso” ha una storia collezionistica illustre: la prima proprietà conosciuta può essere fatta risalire a Sir Thomas Lawrence (1769-1830), il famoso pittore britannico la cui collezione di disegni di antichi maestri è considerata tra le più grandi mai riunite al mono.

Dopo la morte di Lawrence nel 1830, il disegno passò al suo mercante d’arte (e principale creditore) Samuel Woodburn, che lo vendette da Christiès nel 1860 per appena 2,50 sterline. Nella prima metà del XX secolo il disegno era nella collezione di un altro grande collezionista britannico, il capitano Norman Robert Colville, che possedeva anche il disegno “Testa di medusa” di Raffaello venduto da Christiès nel 2009 per 29.161.250 sterline (48.009.960 dollari).

Dalla sua prima mostra nel 1937, il disegno “Testo di orso” è stato poi esposto in musei di tutto il mondo, compresa la grande esposizione dedicata a Leonardo da Vinci dalla National Gallery di Londra nel 2011-12 e dopo è stato presentato al Louvre di Abu Dhabi, al Museo di Belle arti Pushkin di Mosca e all’Ermitage di San Pietroburgo. Pensando al valore che l’opera ha assunto oggi, non può che spuntarci un sorriso sulle labbra ripensando al prezzo di 2,50 sterline del 1830.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli