La tragedia si è consumata sulla cima in Russia del Klyuchevskaya Sopka, in Kamchatka

Il vulcano Klyuchevskaya Sopka
Il vulcano Klyuchevskaya Sopka

Terribile incidente in Russia, dove sono morti 8 escursionisti durante la salita ad un vulcano attivo: sono precipitati per 4mila metri. La tragedia si è consumata sul Klyuchevskaya Sopka, in Kamchatka. In queste ore, informano i media, le squadre di soccorso  stanno effettuando il tentativo di atterrare in elicottero sul vulcano e quel tentativo è reso difficile dal maltempo.

Salita al vulcano russo, morti in 8

Un primo team di soccorritori intanto ha già avviato l’ascesa da terra e sarebbe più o meno a quota 1600 metri. Il gruppo era composto da dieci turisti e due guide ed aveva avviato l’ascesa sul  Klyuchevskaya Sopka lo scorso 30 agosto. Tutto era precipitato il 3 settembre, quando nove persone avevano iniziato a salire sul pinnacolo finale mentre altre tre erano rimaste in un campo a 3300 metri di altitudine. L’esito di quel terribile incidente è agghiacciante.

Per quattro uno spaventoso volo in basso

Eccolo: quattro persone sono morte all’istante in seguito a una caduta a circa 4mila metri mentre con altre due morti ci sono stati poco dopo. A quel punto due alpinisti si sono quindi rifugiati in un campo a circa 3.200 metri. Con loro ulteriori quattro membri della spedizione, tutti in una tenda a 4mila metri. Una delle guide si sarebbe rotta una gamba, mentre le condizioni degli altri alpinisti sono sconosciute. Erano tutti di nazionalità russa. Il Klyuchevskaya Sopka, che si trova ad oltre 6mila km da Mosca, svetta per 4800 metri ed è il vulcano attivo più alto dell’Eurasia. La sua prima eruzione venne registrata nel 1697. È considerato anche il vulcano più pericoloso della Russia.