La trappola del disegno. Così Paitoni ha ingannato suo figlio di 7 anni

·1 minuto per la lettura
Davide Paitoni, il 40 enne che ha ucciso con una coltellata alla gola il figlio di sette anni, Daniele, nella sua abitazione di Morazzone (Varese), in una foto tratta da Facebook. FAICEBOOK DAVIDE PAITONI ++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTA O PUBBLICATA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE CUI SI RINVIA++ (Photo: FACEBOOK DAVIDE PAITONI/ANSA)
Davide Paitoni, il 40 enne che ha ucciso con una coltellata alla gola il figlio di sette anni, Daniele, nella sua abitazione di Morazzone (Varese), in una foto tratta da Facebook. FAICEBOOK DAVIDE PAITONI ++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE RIPRODOTTA O PUBBLICATA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE CUI SI RINVIA++ (Photo: FACEBOOK DAVIDE PAITONI/ANSA)

“Con la scusa di una merendina l’ho fatto sedere sulla sedia, e ho sferrato un colpo secco”. Così Davide Paitoni, 40 anni, ha confessato di aver ucciso il figlio di 7 anni, Daniele, a Morazzone (Varese).

Secondo l’ordinanza di custodia cautelare, “propone al figlio che sta per sgozzare di fare una sorpresa al nonno”, un disegno, e così dice al nonno con problemi di udito di “aspettarlo nella sua camera dove sta guardando la tv”. Poi “gli ha infilato un pezzo di stoffa in bocca per evitare che urlasse”, prosegue il documento, “il che induce a pensare alla consapevolezza del piccolo che qualcosa di tremendo stava per accadergli”.

Davide Paitoni deve restare in carcere vista la “spiccatissima pericolosità e la propensione a parossismi aggressivi” contenibili solo dietro le sbarre, senza le quali “ci si deve attendere la riproduzione di condotte gravemente violente”. Lo scrive il gip di Varese Giuseppe Battarino nell’ordinanza con cui ha convalidato il fermo.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli