La truffa dei lecca lecca: come funziona?

Lecca lecca
Lecca lecca

Un’ingegnosa truffa è stata messa in scena in Campania, l’unico strumento utilizzato era un lecca lecca. Il truffatore è un pregiudicato che è finito subito in manette.

Lecca lecca sulle auto per estorcere soldi agli automobilisti: come funziona la truffa

Un lecca lecca, nulla di più. Bastava solo questa piccola leccornia a far guadagnare in maniera illecita la somma di 450 euro al pregiudicato truffatore. Il trucco era molto semplice: adocchiata l’esca bastava lanciare il lecca lecca contro la macchina. E poi? I conducenti più onesti (o ingenui) si fermavano convinti di aver fatto dei danni ad altri automobilisti. L’astuzia del truffatore portava a far credere agli ignari conducenti che loro erano responsabili di un sinistro e, con il metodo dell’estorsione, il truffatore si faceva “risarcire” con una cifra pari quasi a 500 euro.

L’arresto del truffatore

A fermare il 45enne campano sono stati gli agenti della polizia stradale Campania-Basilicata che non hanno avuto bisogno di prove in quanto l’hanno colto in flagranza di reato. La polizia ha agito su una tentata truffa ad una Mercedes da parte della Volkswagen Golf del pregiudicato. L’auto oggetto della truffa aveva sorpassato la macchina del 45enne e l’uomo ne ha approfittato per lanciare il lecca lecca. Udito il rumore il conducente della Mercedes si è fermato per controllare che non fosse successo nulla. Il truffatore è stato abile nel convincere la sua preda e gli ha chiesto con fare intimidatorio i soliti 450 euro. L’uomo alla guida della Mercedes allora si è recato presso uno sportello bancario per prelevare la cifra richiesta, ma a quel punto è intervenuta la polizia che ha arrestato il pregiudicato ed ha sventato il tentativo di truffa.