La truffa del cucciolo è di moda sul web

·2 minuto per la lettura
truffa cucciolo cane africa
truffa cucciolo cane africa

Internet è un terreno fertile in cui spuntano truffe e truffatori a vista d’occhio, bisogna sapersi difendere e la prima difesa è l’informazione. I truffatori fanno leva sempre su sensazioni emotive molto forti. Tra queste l’amore per gli animali e soprattutto per i cuccioli. Altre volte proprio da internet apprendiamo storie molto tristi che hanno per protagonisti i piccoli animali.

La promessa di un cucciolo in regalo, poi la truffa

Con i cuccioli di cane sta dilagando sulla rete la nuova truffa che ha per oggetto l’adozione o il regalo di un piccolo cane, sempre molto coccoloso ed adorabile. Compaiono annunci sui sociale e sui siti che esclamano “Ti regalo un cucciolo di cane”, con l’esclusivo scopo di sottrarre dati e denaro a chi cade nel tranello. Gli slogan sono sempre gli stessi e richiamano l’attenzione con frasi tipo “Cani in adozione gratis” oppure “Cuccioli soli da adottare” e puntano a far breccia nel cuore di chi un cane lo vorrebbe davvero. e che hanno attirato l’attenzione di chi un cane vorrebbe adottarlo davvero e invece si trova coinvolto suo malgrado in una truffa di ingenti proporzioni e con una diffusione tale che sulle tracce dei malviventi sta indagando la Polizia Postale di tutta Italia. Gli annunci appaiono su siti italiani, ma dietro ci sarebbe un’organizzazione la cui base è in Nigeria.

In che modo si truffa sul web?

Come funziona la truffa? I malfattori chiedono a chi è interessato ad adottare un cucciolo di inviare i propri dati via email in maniera di poter costruire un account su PayPal. L’intenzione di adottare un cucciolo proveniente dall’Africa però faceva superare ai malcapitati ogni dubbio sulla liceità dell’operazione. I truffatori a questo punto chiedevano un contributo per spese generiche legate all’adozione o per risolvere questioni burocratiche, ottenendo dai 200 fino ai 1.500 euro tramite appunto PayPal. Una volta versato l’importo, il contatto scompariva senza rispondere più alle email. Inutile dire che di cuccioli di cane neanche l’ombra.