La tua zampa, la mia mano: si celebra Giornata cane guida non vedenti -3-

Cro-Mpd

Roma, 15 ott. (askanews) - Un cane guida per ciechi, generalmente un labrador o un golden retriver, è sottoposto a un delicato periodo di addestramento della durata minima di 6 mesi. Il primo step è l'affidamento a una famiglia che gli insegna le regole fondamentali di comportamento prima del percorso vero e proprio di educazione con personale personalizzato.

L'addestramento ha costi molto elevati, quantificabili in diverse migliaia di euro per singolo cane. L'Italia vanta un patrimonio di competenze di grande valore sia per i non vedenti che per le loro famiglie, ma il numero dei cani addestrati ogni anno è del tutto insufficiente. Ci sono infatti solo 5 strutture abilitate alla formazione (oltre alla "Helen Keller" di Messina e a quella di Scandicci in provincia di Firenze, Limbiate in provincia di Milano, Selvazzano in Provincia di Padova, Campagnano in Provincia di Roma) che possono esistere solo grazie all'aiuto di fondi regionali o al sostegno di enti benefici.

In Italia la disabilità visiva riguarda circa 360.000 italiani ciechi assoluti e oltre 1.500.000 persone con deficit visivi gravissimi, mentre nel mondo si contano 235 milioni di ipovedenti, il 4% della popolazione mondiale, di cui 35 milioni di ciechi assoluti (dati OMS).