La tua zampa, la mia mano: si celebra Giornata cane guida non vedenti -2-

Cro-Mpd

Roma, 15 ott. (askanews) - "E' molto importante che istituzioni e comunità siano al fianco dei non vedenti in questa Giornata che celebra una storia di impegno ormai quasi centenaria e un racconto unico di tradizione, solidarietà, amicizia e libertà che vede al centro il cane guida per ciechi come aiuto insostituibile." ha dichiarato il Presidente di Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Mario Barbuto "Oltre la forza della legge per garantire la migliore convivenza tra il cane guida per ciechi e le comunità, vogliamo sottolineare l'urgenza di potenziare le scuole di addestramento che operano molto al di sotto del potenziale e delle richieste, al punto che un non vedente aspetta 2 anni prima di ricevere un animale addestrato."

La Giornata del Cane Guida ha preso il via martedi 15 con un evento alla Facoltà di Veterinaria dell'Università di Messina organizzato dal Centro "Helen Keller", Polo Nazionale per l'autonomia e Scuola cani guida di riferimento, che ha dato voce alle famiglie affidatarie dei cuccioli che da grandi diventeranno cani guida per ciechi, con dimostrazioni di tecniche di addestramento. Tra gli altri appuntamenti in corso in decine di città italiane, la "camminata" per le vie di Firenze promossa venerdi 18 dalla Scuola nazionale di addestramento di Scandicci, che quest'anno segna 90 anni dalla fondazione. All'iniziativa, a cui prenderanno parte non vedenti provenienti da tutta Italia accompagnati dai loro "cagnoni guida", seguirà l'openday di sabato 19 in cui la Scuola di Scandicci aprirà le porte alla cittadinanza con dimostrazioni di lavoro di cani addestrati.

La XIV Giornata Nazionale del Cane Guida intende anche ricordare il Diritto all'accesso libero dei cani guida per ciechi come sancito dalla legge n.37 del 1974, integrata e modificata dalle leggi n. 376/1988 e n. 60 del 2006. Queste disposizioni consentono al non vedente di entrare in tutti i luoghi aperti al pubblico e di salire sui mezzi di trasporto, senza costi aggiuntivi o limitazioni, fatto salvo l'obbligo della museruola.

(Segue)