"La variante Delta è del 40% più trasmissibile", doppio allarme dalla Gb

·2 minuto per la lettura
(Photo by DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP via Getty Images)
(Photo by DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP via Getty Images)

La variante Delta del coronavirus, scoperta per la prima volta in India qualche mese fa, è "del 40% più trasmissibile". Lo ha detto il ministro della Salute britannico, Matt Hancock, aggiungendo che "questo rende tutto più complicato". Hancock ha però sottolineato che "il numero dei ricoveri in questo momento nel Regno Unito non sta aumentando e la maggior parte delle persone in ospedale con il Covid-19 non ha ricevuto il vaccino".

Ma c'è anche un altro fatto che preoccupa gli esperti: gli anticorpi prodotti dalle persone che hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino Pfizer/BioNTech tendono a essere oltre cinque volte meno efficaci contro la variante Delta. Lo rivela una nuova ricerca condotta proprio in Gran Bretagna, con il coordinamento di Istituto Francis Crick e pubblicata sulla rivista The Lancet.

GUARDA ANCHE - Vaccini efficaci contro le varianti, ma la Germania chiude le porte agli inglesi

Coordinata da Emma Wall e David Bauer, entrambi dell’Istituto Francis Crick, la ricerca indica che il livello degli anticorpi diventa più basso all’aumentare dell’età e tende a ridursi nel tempo. I ricercatori hanno misurato il livello degli anticorpi neutralizzanti e il loro effetto sulle principali varianti del virus SarsCoV2 in 250 individui di età compresa fra 33 a 52 anni, alcuni dei quali avevano ricevuto una dose del vaccino Pfizer-BioNTech e altri due.

La ricerca è stata condotta nell’ambito dello studio britannico Legacy, partito in gennaio e condotto dall’University College di Londra e dall’Istituto Francis Crick con l’obiettivo di tracciare le risposte sierologiche alla vaccinazione contro la variante Delta, ormai diventata dominante in Gran Bretagna, dove ha rimpiazzato la variante inglese B.1.1.7 (Alfa).

Per gli autori dello studio “è difficile valutare con precisione fino a che punto la riduzione degli anticorpi potrà avere un impatto sull’efficacia del vaccino”, così come è difficile prevedere gli effetti sulla “gravità che la malattia potrebbe avere in una popolazione vaccinata”.

GUARDA ANCHE - Alpha, Beta, Gamma e Delta: i nuovi nomi alle varianti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli