La vendetta dell'Europarlamento si abbatte su Macron. Caos a Bruxelles

Massimo Maugeri

La vendetta del Parlamento europeo si consuma fredda. E scatena una guerriglia trasversale all'interno della 'maggioranza' europeista, tra Popolari e Liberali (leggi Emmanuel Macron) e una contrapposizione tra lo stesso presidente francese e Ursula von der Leyen che apre scenari difficilmente prevedibili. Rischiando di far slittare l'entrata in carica del nuovo esecutivo Ue, previsto per il 1 novembre. 

Le commissioni Mercato Interno e Industria dell'Europarlamento, a voto segreto, con 82 voti contrari, 29 a favore e 1 astensione, hanno respinto la candidatura della francese Sylvie Goulard come commissario al mercato Interno della squadra von der Leyen. Votano contro i Popolari, i Verdi, la sinistra radicale della Gue e il gruppo sovranista di ID.

La designata di Parigi era stata contestata per una serie di guai giudiziari e potenziali conflitti di interesse: Goulard è sotto indagine in Francia e all'Olaf (l'organismo anti-frode dell'Ue) per l'uso dei fondi dell'Europarlamento destinati agli assistenti. Ed era stata messa sotto la lente dei deputati a causa di una consulenza per un think thank dell'investitore americano-tedesco Nicolas Berggruen, il Berggruen Institute, per la quale Goulard è stata remunerata mentre era eurodeputata. Diversi parlamentari inoltre, in particolare tedeschi, avevano messo in dubbio la sua capacità di gestire un portafoglio enorme, che include il Mercato Interno, l'Industria, la Difesa e i Servizi audiovisivi.

Ma le perplessità 'tecniche' dei deputati nei confronti di Goulard sono solo un aspetto del problema. Il tema più rilevante è quello politico. Il Parlamento a luglio si era visto strappare di mano la possibilità di designare un suo uomo alla guida della commissione, il cosiddetto Spitzenkandidat. Manfred Weber che i Popolari avevano indicato per sostituire Jean-Claude Juncker, era stato affossato da diversi Stati membri, con la Francia di Macron in prima linea. Il Parlamento, e in particolare i Popolari non avevano digerito l'imposizione di una candidata esterna da parte dei governi. E oggi si sono presi la loro rivincita. 

Macron è su tutte le furie. "Goulard è vittima di un gioco politico che colpisce l'intera Commissione", fa filtrare il presidente francese dall'Eliseo prima di prendere direttamente posizione durante una conferenza stampa in cui scarica di fatto le responsabilità della sconfitta proprio su von der Leyen. "L'avevo avvertita delle inchieste e mi ha detto che voleva lavorare con Goulard e mi aveva assicurato un accordo con i gruppi politici", tuona Macron. "Adesso ho bisogno di capire e chiederò spiegazioni".

La capogruppo Socialista a Strasburgo, Iratxe Garcia lo smentisce a stretto giro: "mai consultata Von der Leyen su Goulard", dice. E la stessa presidente eletta non risponde a Macron direttamente, ma consegna alla stampa una nota piuttosto contraddittoria in cui parla di "fase parlamentare, democratica e trasparente" ma dice allo stesso tempo che "bisogna fare presto" per la sostituzione dei commissari bocciati (oltre a Goulard sono stati esclusi dalla corsa anche il popolare ungherese Laszlo Trocsanyi e la socialista romena Rovana Plumb) e contemporaneamente chiede che "tutte le persone implicate" nel processo di nomina della nuova Commissione abbiano "tempo sufficiente per preparare con cura le prossime tappe".

La bocciatura di Goulard apre anche una crepa anche nella politca tedesca e mostra una Angela Merkel che non controlla più il gruppo Popolare e di fatto subisce la bocciatura di un commissaria pesante della Commissione a guida Ppe.

La 'maggioranza Ursula' insomma, è nel caos e nessuna sa di preciso cosa potrà accadere. Dopo lo stop di ier dal punto di vista procedurale, spetta alla presidente eletta della Commissione decidere come procedere. Quasi certamente Macron, dovrà nominare un nuovo commissario. Si parla dell'attuale ministro delle Finanze Bruno Le Maire, anche se la parità di genere richiederebbe una donna. Il 23 ottobre la plenaria del Parlamento dovrebbe dare il via libera alla Commissione nel suo insieme, Commissione che teoricamente dovrebbe entrare in funzione dal 1 novembre. Ma la crepa politica è aperta e sarà complicato ricomporla a breve. Un rinvio non è escluso.