La vita di Raffaella Carrà raccontata attraverso le immagini

·1 minuto per la lettura
Italian showgirl Raffaella Carrà (Raffaella Maria Roberta Pelloni) smiling during the TV variety show Canzonissima. Rome, 1974. (Photo by Mondadori via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Mondadori via Getty Images)
Italian showgirl Raffaella Carrà (Raffaella Maria Roberta Pelloni) smiling during the TV variety show Canzonissima. Rome, 1974. (Photo by Mondadori via Getty Images) (Photo: Mondadori Portfolio via Mondadori via Getty Images)

Da “Canzonissima” a “Carramba, che sorpresa”: definita “la regina della televisione italiana”, Raffaella Carrà ha dominato i palinsesti televisivi fin dagli anni Sessanta, divenendo un’icona della musica e del piccolo schermo in Italia e non solo.

Nata a Bologna il 18 giugno 1943 come Raffaella Maria Roberta Pelloni, la ballerina e cantante Raffaella Carrà, dopo il debutto in televisione in “Tempo di danza” (1961), al fianco di Lelio Luttazzi, e nella commedia musicale “Scaramouche” (1965), nel 1970 approdò a Canzonissima, divenendo nota al grande pubblico. Fu così che la Carrà divenne la prima showgirl della televisione in bianco e nero.

Notevole successo ottenne nel 1984 con “Pronto, Raffaella”, che raggiunse ascolti straordinari per la fascia meridiana. Conduttrice di “Domenica in” (1986) sempre per la Rai, nel 1987 passò per un breve periodo a Canale 5, per poi tornare nel 1991 a Raiuno con la trasmissione “Fantastico 12”. Dopo una parentesi di quattro anni a Madrid, dove portò il programma “Hola Raffaella” per la televisione spagnola, è rientrata in Italia nel 1995 riproponendosi con successo in “Carramba! Che sorpresa” (1995-97 e 2002), trasmissione ispirata al varietà britannico “Surprise, surprise”.

Ha quindi continuato a raccogliere consensi presentando “Carramba! Che fortuna” (1998-2000 e 2008) e “Segreti e … bugie” (1999), sempre su Raiuno. Nel 2001 ha condotto il Festival di Sanremo, nel 2004 il programma “Sogni”, mentre dedicato alle adozioni a distanza è stato “Amore” del 2006. Nel 2007 è uscito “Raffica Carrà”, raccolta videomusicale delle numerose sigle televisive che ha interpretato. Nel 2013 è tornata sul piccolo schermo su Raidue come coach del talent...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli