La vittima è un 74enne filippino aggredito alle spalle da un uomo poi fuggito in bicicletta

·2 minuto per la lettura
Il corpo della vittima ricoperto da un telo
Il corpo della vittima ricoperto da un telo

Serata di sangue alla stazione di Rimini con un efferato omicidio: un uomo è stato accoltellato a morte alla gola da uno sconosciuto che lo avrebbe aggredito alle spalle e sarebbe poi fuggito con una bicicletta inizialmente creduta della vittima. Vittima che, secondo le indicazioni su quanto accaduto intorno alle 19.30 del 21 novembre, sarebbe un uomo di 74 anni di origini filippine.

Rimini, uomo accoltellato a morte: era sotto la pensilina del bus

Il poveretto, che sostava sotto la pensilina dei bus davanti allo scalo ferroviario riminese, è stato raggiunto e ucciso da una singola ma potente coltellata alla gola che gli ha reciso la carotide. Secondo una ricostruzione in parte mutuata dalle prime testimonianze sull’omicidio l’aggressore, un uomo incappucciato con giubbotto scuro, sarebbe poi fuggito con l’arma in bicicletta in direzione del porto canale.

Dissanguato in pochi minuti l’uomo accoltellato a morte a Rimini: l’arrivo della polizia

Il 74enne purtroppo è morto dissanguato in pochi minuti malgrado l’arrivo dei soccorsi. Le testimonianze parlano di un’aggressione avvenuta alle spalle e di una fuga repentina del killer. Sul posto, assieme ai soccorsi, sono arrivate unità della la Polizia ferroviaria, pattuglie della Polizia di Stato e un team della Polizia scientifica. Il magistrato di turno, Luigi Sgambati, e il medico legale hanno effettuato gli adempimenti di ruolo. Pare che al momento dell’aggressione l’uomo fosse in piedi sotto la pensilina in attesa di un bus ma è dato da confermare, anche per “incastrare” nello scenario del delitto la bici usata dall’assassino per la fuga.

Uomo accoltellato a morte a Rimini: l’indifferenza dei passanti e il cadavere ignorato da molti

Dopo l’aggressione si sarebbe accasciato su se stesso e poi è caduto a terra. E c’è un particolare macabro ma tutto da verificare: pare che molti passanti abbiano assistito alla scena ma l’allarme non sarebbe stato dato immediatamente. Il cadavere dell’uomo è rimasto sotto la pensilina del bus per lungo tempo fino all’arrivo della polizia ed al termine dei rilievi. In queste ore la polizia, che ha rovistato nei cassonetti a caccia dell’arma del delitto, sta ascoltando numerosi testi indiretti del crimine e pare anche un paio di testi diretti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli