La vittima aveva 94 anni ed era morta nell’incendio del suo bungalow appiccato dal nipote

·1 minuto per la lettura
La vittima, la 94enne Mary Gregory
La vittima, la 94enne Mary Gregory

Agghiacciante nel Regno Unito, dove un 21enne uccide la nonna e lo confessa durante il gioco della verità: il giovane è stato condannato. La vittima, la 94enne Mary Gregory, era morta nell’incendio del suo bungalow a Heysham, nel Lancashire, appiccato dal nipote nel 2018 e per molto tempo si era pensato ad un tragico incidente.

Uccide la nonna, condannato 21enne: la confessione agli amici durante un gioco

Poi era arrivata una serata dell’assassino con gli amici di qualche mese dopo nel corso della quale Tiernan Darnton aveva deciso di stupire gli stessi. Come? Confessando al gioco della verità il suo “segreto più oscuro”, quello cioè per cui fu lui ad appiccare il fuoco all’abitazione della nonna acquisita incendiando una tenda con l’accendino.

Il piano per uccidere nonna Mary, condannato Tiernan, il nipote 21enne

E pare che Darnton avesse redatto anche un piano specifico della sua impresa omicida, stilando quindi una mappa dell’abitazione in cui erano stati segnate le vie di fuga e i posti dove nascondersi una volta compiuto il delitto. Il bis c’era stato nel 2019, quando durante una serata di ‘counseling’ il 21enne aveva reiterato il racconto di quella sua azione criminale ed aveva innescato una denuncia culminata con il suo arresto.

“Non volevo vederla soffrire”, perciò un 21enne inglese uccide la nonna e viene condannato

Agli agenti della polizia il giovane aveva spiegato di aver compiuto quel gesto perché non voleva vedere più “nonna Mary soffrire di demenza”. In queste ore è arrivata la sua condanna, che nella giornata di oggi, venerdì 12 novembre, sarà quantificata secondo la procedura penale britannica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli