La vittima potrebbe essere giunta in arresto cardiaco per poi spirare negli istanti successivi

·1 minuto per la lettura
L'era antistante l'ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa
L'era antistante l'ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa

Orrore in Sicilia, dove a Ragusa il cadavere di una donna di 40 anni è stato abbandonato fuori dal Pronto Soccorso da sconosciuti: la donna sarebbe giunta in arresto cardiaco ma è morta negli istanti stessi del terribile gesto al Giovanni Paolo II, come appurato dai sanitari che si sono immediatamente precipitati fuori a cercare di soccorrerla.

Cadavere abbandonato da ignoti fuori dal Pronto Soccorso: riserbo sulle generalità

Dopo una breve ricerca si è appurato che si trattava di una 40enne di cui però le generalità complete non sono state rese note. A lasciarla qualcuno che dopo quel gesto barbaro si è premurato di far perdere immediatamente le tracce.

Esami post mortem sul cadavere abbandonato fuori dal Pronto Soccorso: servono a qualificare il reato

Il magistrato di turno, allertato immediatamente, ha disposto esami per capire se la donna fosse già morta quando era stata abbandonata o se fosse moribonda, il che qualificherebbe la presunzione di reato per cui si procederà in maniera molto più grave. Tutti gli accertamenti dei caso sono stati affidati in tandem agli agenti della Questura di Ragusa ed ai militaridel Nucleo Operativo dei Carabinieri.

Interrogatori e rilievi sul cadavere abbandonato fuori dal Pronto Soccorso

Le forze dell’ordine stanno raccogliendo elementi per risalire all’identità delle persone che hanno abbandonato la 40enne e allo scopo stanno passando al setaccio le immagini delle telecamere di videosorveglianza. In più sono stati assunti a sommarie informazioni testimoniali i medici e paramedici in servizio o in procinto di assumerlo e perciò presenti nell’area antistante l’ospedale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli