La vittoria di Pechino, zero contagi: è la prima volta da gennaio

cina coronavirus zero contagi

Nessuna nuova infezione da coronavirus in Cina: è la prima volta da gennaio 2020. Ad annunciare gli zero contagi in Cina sono state le stesse autorità di Pechino il giorno seguente all’apertura del Congresso del Popolo. Nel corso della manifestazione sono anche stati celebrati i “grandi successi” della Cina nella lotta contro il coronavirus. Tra i numeri diffusi dal Governo cinese anche quello delle vittime, su cui in tutto il mondo esperti nutrono molti dubbi. Pechino ha affermato che il bilancio ufficiale dei decessi è di 4.634, ben al di sotto del numero dichiarato da Paesi molto più piccoli.

Cina, nessun nuovo contagio da coronavirus

Bisogna ricordare che sui numeri e sulla gestione dell’emergenza sanitaria partita proprio da Wuhan in Cina in queste settimane si sono sollevate numerose polemiche. Una su tutte quella del presidente Usa Donald Trump che ha accusato Cina e Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) di aver tardato nel lanciare l’allarme a livello internazionale. Per questo motivo Trump ha effettuato numerosi attacchi verbali ufficiali a Pechino ed ha annunciato di voler tagliare i fondi destinati all’Oms.

Obiettivo: far ripartire l’economia

Intanto sempre in Cina dove le autorità hanno affermato che non c’è alcuna nuova infezione da coronavirus, si sta pensando a far ripartire l’economia. Secondo la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme la Cina è capace e determinata a continuare a promuovere lo sviluppo costante, sano e sostenibile dell’economia.

Tendenza di sviluppo positiva

“A giudicare dai fondamentali dell’economia cinese, la tendenza di sviluppo positiva non è cambiata. – ha detto He Lifeng, a capo della commissione – L’industria agricola ha continuato a mantenere una buona tendenza di sviluppo. Le industrie emergenti hanno un buono slancio di crescita, mentre le industrie tradizionali stanno recuperando bene. Anche i settori dei consumi del terziario, che sono stati colpiti più duramente dall’epidemia, si stanno anche riprendendo in maniera vigorosa e ordinata”.