La zecca di Zuck. Facebook lancia la criptovaluta Libra

HuffPost

Facebook vuole rivoluzionare il mercato delle monete digitali e promette a tutti gli i suoi utenti di effettuare via smartphone pagamenti istantanei, come inviare un sms o un messaggio di chat, a costi bassi o nulli. 

È l’ambizione di Libra, la nuova criptovaluta fortemente voluta da Mark Zuckerberg, presentata oggi alla stampa. Nel 2020 partirà il progetto e-commerce del fondatore di Facebook che per partecipare alla società che conta 27 partner in tutto il mondo ha creato Calibra, una filiale ad hoc che offrirà portafogli digitali, disponibili su Whatsapp e Messenger, per salvare, inviare e spendere la valuta. La no profit che gestirà la moneta sarà di base in Svizzera e tra i membri che hanno partecipato al progetto figurano soci del calibro di MasterCard, Visa, PayPal e Uber. Altri ne arriveranno, saranno circa 70.

Come funziona

Il sogno di Zuckerberg è che ognuno possa effettuare una qualunque transizione economica con la stessa facilità con cui adesso gli utenti si scambiano foto, video o messaggi. La valuta consentirà lo scambio di somme tra gli utenti oltre agli acquisti sulle piattaforme di casa Zuckerberg. L’obiettivo del fondatore di Facebook è quello passare dal digitale al fisico, dalle app ai prodotti e i servizi delle aziende in rete. 

Per questo motivo, a differenza dei Bitcoin il cui valore oscilla in maniera selvaggia in quanto non è basato su nessuna moneta reale, per garantire a Libra una certa stabilità, Zuckerberg ha intenzione di legarlo alle valute esistenti come il Dollaro o l’Euro. Uno stable coin, moneta stabile, che dà più garanzie agli investitori e agli utenti semplici.

Calibra garantirà l’invio di moneta a prezzi bassi è nell’evoluzione auspicata da Facebook questo dovrebbe “avere un impatto positivo sulla vita delle persone Perché non si deve sempre portare denaro contante, che può essere insicuro, o pagare commissioni extra per i trasferimenti”. 

I partner

Contrariamente a Bitcoin, con cui condivide...

Continua a leggere su HuffPost