L'abbazia di Melk custodisce un tesoro: una biblioteca di inestimabile valore in restauro

La biblioteca dell'abbazia di Melk, patrimonio mondiale dell'Unesco, ospita una collezione straordinaria. Al suo interno infatti sono conservati 100.000 volumi, di cui 1.800 manoscritti.

I parassiti, l'umidità e la luce del sole hanno tuttavia danneggiato gravemente alcune parti della biblioteca dell'Abbazia di Melk. La biblioteca sarà sottoposta ad interventi di ristrutturazione fino al 2032. Durante tale processo, migliaia di libri preziosi saranno spostati, puliti e riparati, come ci racconta il responsabile del cantiere, Peter Griebaum.

"Verrà installato un sistema di scaffali rotanti, sul pavimento si può vedere una costruzione in acciaio. Le travi in acciaio infatti servono a sostenre gli scaffali rotanti."

Pochi metri più avanti si sta lavorando all'ampliamento della camera dei manoscritti storici, in modo da poter conservare, proteggere e ricercare in maniera piu agevole i manoscritti più preziosi, che risalgono al 900.

Un erbario del XVI secolo di Hieronimus Bock, proveniente da Strasburgo, per esempio è attualmente affidato ad una restauratrice di libri che sta riparando le singole pagine che verranno poi ricucite nel libro.

"Questo libro è rivestito in pelle di maiale, uno dei materiali più resistenti, in quanto la pelle di maiale è spessa e solida, tuttavia nel corso dei secoli quest'ultima tende a sfregarsi cosi da sviluppare delle imperfezioni, che noi siamo qui a riparare".

Ogni anno, sotto la direzione della restauratrice della carta Bettina Dräxler, circa 10.000 volumi vengono puliti e controllati sulla base dell'inventario ed esaminati per individuare eventuali danni. "L'obiettivo è di restaurare diverse migliaia di libri entro il 2032", afferma Dräxler.

Si prevede che il restauro della biblioteca dell'Abbazia di Melk richiederà quasi undici anni e un totale di dodici milioni di euro.