L'account social Papa Bergoglio mette "mi piace" a un post spinto

·2 minuto per la lettura
Papa Francesco
Papa Francesco

Instagram: il like di Papa Francesco che ha fatto molto discutere al post della modella brasiliana Natalia Garibotto: la Santa Sede indaga ora per capire come sia potuto succedere.

Papa Francesco e il like a Natalia Garibotto

Il “mi piace” all’immagine della modella è stato rimosso in un tempo breve, ma sufficiente per far discutere gli utenti del mondo dei social. Il Vaticano si è rivolto a Instagram per ottenere chiarimenti dopo il like dell’account ufficiale di Papa Bergoglio alla foto della brasiliana vestita in modo provocante.

La reazione della modella

L’agenzia della modella, COY Co, ha colto l’occasione per farsi pubblicità, ripubblicando l’immagine sul proprio account Instagram con il commento: “Abbiamo ricevuto la benedizione del Papa”. Anche la modella, che conta ben 2,4 milioni di follower sul suo account, ha scritto ironicamente: “Almeno andrò in paradiso”.

L’indagine

CNA, l’agenzia di stampa cattolica, ha fatto sapere che è in corso un’indagine per capire da dove possa essere partito il famigerato “mi piace”. Si esclude che il like provenga dalla Santa Sede, ma il Vaticano si è comunque rivolto “a Instagram per ottenere delle spiegazioni”, spiega un portavoce al Guardian.

Il Papa e i social network

Bergoglio è molto popolare sui social: non solo su Instagram, dove conta 7,4 milioni di follower, ma anche su Twitter, dove è seguito da ben 18,8 milioni di utenti.

Chiaramente, c’è un team dedicato che gestisce gli account social del Papa: “Il papa non è come Donald Trump, non se ne sta seduto a twittare tutto il giorno al telefono o al computer“, commenta Robert Mickens, caporedattore dell’edizione in lingua inglese del quotidiano cattolico La Croix , che aggiunge: “Ad esempio, approva i tweet e in rarissime occasioni ha voluto twittare personalmente qualcosa in merito a situazioni di estrema urgenza o complessità. Quindi certamente non ha nulla a che vedere con quanto accaduto”.