L'accusa di Fiammetta Borsellino: "Su stragi Csm omissivo"

·3 minuto per la lettura

Un durissimo j'accuse contro l'attuale Csm che "sulla stagione delle stragi del ’92” è stato “omissivo”. A "differenza della Commissione regionale antimafia all'Ars" presieduta da Claudio Fava. Perché la strage di via D'Amelio "è ancora una ferita che sanguina". E’ la durissima denuncia di Fiammetta Borsellino, figlia minore del giudice Paolo Borsellino ucciso nella strage di Via D'Amelio il 19 luglio del 1992. Se la prende con il vecchio organo di autogoverno ma non risparmia frecciate anche a quello attuale. “Devo ringraziare la Commissione regionale Antimafia perché ha dato uno sguardo molto attento a quello che è stata la terribile stagione delle stragi del ’92 e, in particolare, su quella di via d’Amelio. Ha concluso il suo lavoro con ben due relazioni, una in particolare sul più grande depistaggio nonché sul più grave errore giudiziario del nostro Paese - dice - e una seconda, sul terribile clima, all'interno della Procura di Palermo, retta da Pietro Giammanco, peraltro mai sentito dalla magistratura e su tutti i soggetti esterni a Cosa nostra, parimenti interessati alle stragi".

E aggiunge: "Sarebbe stato auspicabile che a questo lavoro, tuttavia, fosse seguita un’attività di indagine investigativa e di approfondimento da parte del Consiglio superiore della magistratura. Ma il comportamento omissivo di questo organo è un dato di fatto e non certo una mia opinione”. Una denuncia che arriva nel corso del convegno 'Ripensare la mafia, ricostruire l'Antimafia', organizzata da Claudio Fava alla presenza di Rosy Bindi, di Armando Spataro e di monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale. Presente anche il neo Procuratore di Roma Francesco Lo Voi, alla sua ultima uscita pubblica da capo del pool di Palermo.

"Io ritengo che Antimafia voglia dire sicuramente qualsiasi forma di attività di denuncia del rapporto tra mafia e potere - aggiunge Fiammetta Borsellino -io credo fermamente che antimafia voglia dire disvelamento di tutte le connivenze in ordine a tutti i poteri costituzionali, compresa la magistratura". "Io credo che proprio l'alta funzione che l'Antimafia è chiamata a svolgere, non può non essere disinteressata. L'Antimafia non può mirare al potere e non può diventare essa stessa potere, perché abbiamo visto che quando ciò è avvenuto l'Antimafia è stata fortemente condizionata nel suo campo di azione da un altissimo conflitto di interessi".

“Quando l’antimafia diventa potere il suo campo di azione viene fortemente vincolato e circoscritto – ha detto ancora Fiammetta Borsellino – e questo non deve assolutamente accadere”. “L’antimafia non può sicuramente essere, come hanno dimostrato il caso Saguto e Montante che sono i casi più eclatanti, il trampolino di lancio per facili carriere. Non può essere orientata sicuramente ad abusi o a rendite di posizione”.

Poi, parlando della strage di via D'Amelio, ha detto che è ancora "una ferita aperta che sanguina". "Credo che un'altra funzione fondamentale dell'Antimafia - aggiunge -sia la ricerca della verità. In questo l'Antimafia ha una funzione fondamentale". Ricorda anche il clima vissuto dal padre prima della strage. "Venne da lui definita un 'nido di vipere' - dice - Credo che bisognava soffermarsi su questa frase, perché mio padre è sempre stata una persona molto rispettosa delle istituzioni e dei colleghi e questo era un campo di indagine che andava approfondito". "L'esistenza di un conflitto di interessi ha costantemente spostato l'attenzione di preminenti esponenti dell'Antimafia verso determinati campi di indagine - aggiunge - al fine - di allontanare i riflettori su precisi contesti operativi in cui essi stessi hanno operato. Di questo siamo fermamente convinti, tanto è vero che tutti conoscono il processo Stato-mafia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli