L'acqua di Parigi radioattiva? Per la prefettura solo "fake news"

Bea

Roma, 20 lug. (askanews) - La prefettura della regione di Parigi ha smentito che l'acqua del rubinetto nella capitale francese presenti "alcun rischio per la salute pubblica" e ha definito "fake news" le voci che si rincorrono da qualche giorno sui social secondo cui l'acqua è contaminata dal trizio, un elemento radioattivo. "I livelli di trizio nell'acqua non pongono rischi per la salute pubblica. L'acqua del rubinetto può essere bevuta senza restrizioni" ha scritto su Twitter la prefettura di Parigi.

Le voci sono iniziate quando il gruppo di sorveglianza sulla radioattività francese ACRO ha pubblicato un rapporto secondo cui sei milioni di persone nella regione parigina e nelle aree della Loira e di Vienne bevono acqua contaminata con trizio. Il rapporto si basa su dati del ministero della Sanità e comprende una mappa sui livelli medi di trizio nell'acqua del rubinetto in tutta la Francia. Questi sono più elevati nella tre regioni ma "nessun valore supera i criteri qualitativi di 100 Ba/L approvate dalle autorità" si legge nel rapporto.

I social media però si sono impossessati del rapporto a loro modo ed è diventato virale un messaggio Whatsapp di un'infermiera parigina che parla della "presenza di titanio" nell'acqua di Parigi, menzionando un decreto del prefetto che secondo la prefettura invece non è mai esistito.