L'addetto è stato inflessibile ed ha spiegato di aver semplicemente applicato le regole vigenti

Uno scatto dell'ateneo di Pavia
Uno scatto dell'ateneo di Pavia

Una ragazza disabile mangia in un’aula dell’università di Pavia per non restare al freddo ma viene cacciata. Secondo quanto riferito dai media l’addetto è stato inflessibile ed ha spiegato di aver semplicemente applicato le regole vigenti nell’ateneo. Lo storico del fatto dice che  una ragazza disabile al 100% è stata cacciata da un’aula dell’Università di Pavia.

Disabile magia in aula per il freddo: cacciata

La ragazza stava cercando di consumare il suo pasto e la giovane, paziente oncologica che per i suoi motivi di salute non potrebbe mangiare al freddo, non ce l’ha fatta a mangiare. Anzi, secondo quanto spiega Il Giorno, la studentessa sarebbe stata “addirittura minacciata dal personale dell’ateneo”. La notizia, se confermata in ogni suo aspetto narrativo, sarebbe davvero incresciosa.

Collettivi studenteschi pronti alla protesta

Sul posto poi pare siano intervenuti i carabinieri e l’episodio è stato segnalato dal Coordinamento per il diritto allo studio (Udu). I media spiegano che è intervenuto anche il Servizio assistenza ed integrazione studenti disabili dell’ateneo. Dal canto loro i collettivi studenteschi sono intenzionati ad organizzare una protesta  sotto il rettorato. Da molto tempo, anche sui social, i collettivi studenteschi lamentano “la mancanza di spazi al chiuso dove consumare i pasti portati da casa”.