Ladispoli: dal 30 ottobre al 2 novembre stop ai treni. Bus sostitutivi

Cro-Mpd

Roma, 18 ott. (askanews) - "Dopo l'incontro tecnico avuto il 15 ottobre scorso presso l'assessorato dei trasporti della Regione Lazio, dove dobbiamo riconoscere che vi è stata tutta la disponibilità dell'Assessore ai Trasporti della direzione RFI e Trenitalia, hanno sicuramente illustrato bene l'intervento di sicurezza che si dovrà fare sul ponte dei tre denari di Torre in Pietra". Le parole sono del delegato alle problematiche dei pendolari ed ai rapporti con RFI e Trenitalia, il consigliere comunale Giovanni Ardita che, insieme all'assessore ai trasporti Amelia Mollica Graziano, ha costantemente seguito l'evolversi della situazione in vista dell'interruzione ferroviaria dal 30 ottobre al 2 novembre. "E' una situazione straordinaria - prosegue Ardita - che sicuramente comporterà alcuni disagi per i pendolari della Fl5 da Pisa, Grosseto, Orbetello, Civitavecchia, S.Marinella, Marina di Cerveteri. Questi primi comuni saranno coinvolti perché tutti i pendolari provenienti da queste stazioni dovranno scendere a Ladispoli unirsi ai nostri numerosi viaggiatori e salire sui bus sostitutivi che li porteranno alla stazione di Maccarese da dove partiranno le coincidenze dei treni che porteranno a Roma. Lo stesso lavoro al contrario avverrà per tutti lavori provenienti da Roma che si fermeranno a Maccarese, scalo dove si prenderanno i bus sostitutivi che riporteranno alla stazione di Ladispoli e da qui potranno scenderanno i nostri pendolari mentre quelli diretti a Marina di Cerveteri, S.Marinella, Civitavecchia dovranno salire sul treno di ritorno che li farà scendere nelle loro stazioni".

(Segue)