Lady Diana, Caprarica: “Non era una santa, si è presa tutti gli uomini che voleva”

·1 minuto per la lettura
Lady Diana Caprarica
Lady Diana Caprarica

Antonio Caprarica si è espresso su”Spencer”, film presentato alla Mostra del Cinema di Venezia che racconta il momento in cui Lady Diana prese coscienza del fallimento del matrimonio con il principe Carlo e decise di divorziare: il giornalista si è scagliato contro quella che ha definito una “rappresentazione stucchevole” della principessa come martire.

Antonio Caprarica su Lady Diana

La pellicola, realizzata dal regista cileno Larrain, ha cercato di interpretare i sogni, le angosce e le paure della donna quando si è trovata a scegliere, durante le feste di Natale del 1991, se continuare un matrimonio di facciata o riprendersi la sua libertà. “Questa è la storia di una principessa che ha deciso di non diventare regina ma ha scelto di costruirsi da sola la propria identità, un’icona, una madre“, ha dichiarato l’uomo.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: In "Spencer" Kristen Stewart, un tuffo nella mente di lady Diana

Di tutt’altro avviso è stato Caprarica, che ha espresso un giudizio molto critico nei confronti del film ritenendo che Lady D “una donna che decise di dare una lezione della vita all’uomo che l’aveva resa infelice e tradita e di prendersi tutti gli uomini che voleva“. E ha aggiunto: “Di solito non è quello che fanno le sante“.

Antonio Caprarica su Lady Diana: “Ha commesso i suoi errori e peccati”

Il giornalista ha poi lamentato un’eccessiva idealizzazione di Lady Diana, una donna che a suo dire “non era né una santa né una peccatrice ma una persona nella media degli esseri umani“. Una donna che ha sì diritto alla compressione per essere stata maltrattata, ma anche, secondo lui, una che ha commesso i suoi errori e i suoi peccati ed è morta purtroppo proprio quando stava maturando.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli