L'Africa MEDIAta: come la raccontano fiction, tv, stampa e social -4-

red/Mgi

Roma, 23 ott. (askanews) - "Esiste uno spazio per stringere un patto di lealtà con gli organi di informazione ed intrattenimento, per restituire all'Africa una narrazione libera da cliché e pregiudizi?" domanda Guglielmo Micucci, Direttore di Amref Health Africa in Italia.

"Se, come un incrocio di analisi dimostra, il clima di diffidenza nei confronti delle ong ha visto una diminuzione nei tg della voce volontariato, non profit e solidarietà, relativa alle attività e agli interventi umanitari. É ora di iniettare nuove dosi di fiducia. Lo si può fare raccontando, per esempio, anche le opportunità che l'Africa può offrire. Oppure, come il report ricorda, anche prendere spunto dai consigli redatti da Amref e Carta di Roma, nel Decalogo per una corretta informazione sull'Africa".

Conclude Micucci: "Non aiutateci per carità è il nostro claim. Vogliamo rivolgerlo oggi non solo ai donatori, ma anche ai media. Non aiutarci per carità significa aiutarci a restituire un'immagine dell'Africa che non sia solo migrazione, solo dramma. Spingere quel 2,4% di racconto "dell'Africa là" un po' oltre, per avvicinare ciò che è solo a pochi chilometri da noi, dall'altra parte del mare. Quel continente che in fondo - noi di Amref sappiamo e crediamo - molti italiani amano".