L'agente pubblicitario era molto amato in paese

·1 minuto per la lettura
antonio-vinciguerra-morto
antonio-vinciguerra-morto

Antonio Vinciguerra non ce l’ha fatta: è morto a causa del Coronavirus a Maddaloni, sua città natale. Aveva 52 anni e lascia due figli piccoli. Molto conosciuto in paese, Vinciguerra era il fratello dell’ex consigliere provinciale, Vincenzo Vinciguerra. Intanto in Campania continua ad aumentare la curva dei contagi.

Antonio Vinciguerra morto per Coronavirus

L’uomo era ricoverato al Covid Center di Maddaloni da circa due settimane. Le sue condizioni sono andate peggiorando a causa dell’infezione polmonare. Vinciguerra aveva 52 anni ed era molto ben voluto nel suo paese, Maddaloni, in provincia di Caserta. L’uomo era titolare di un agenzia pubblicitaria, la “Vados Pubblicità” e il suo lavoro lo aveva portato a diventare un punto di riferimento per la sua comunità. Era soprannominato “il gigante buono” ed era un grande tifoso del Napoli, con un amore spassionato verso Diego Armando Maradona.

Antonio lascia moglie e due figli piccoli. Il fratello, Vincenzo Vinciguerra, è stato consigliere provinciale. Antonio viene adesso ricordato da tutti come una persona distinta, sempre disponibile, gentile e cordiale con tutti. I primi a piangere la scomparsa del gigante buono sono stati i suoi collaboratori e dipendenti che, insieme ad Antonio, avevano reso grande l’agenzia di pubblicità. Tanti i messaggi di cordoglio che nelle ore successive al decesso di stanno moltiplicando.

Non dimenticherò mai il tuo enorme cuore e la tua sempre disponibilità. Antonio porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia” – è uno dei tanti messaggi che arriva dai social e che ricorda il carattere sempre cordiale di Antonio.