L'Agenzia italiana del farmaco blocca un lotto del vaccino Covid

·1 minuto per la lettura
vaccino astrazeneca
vaccino astrazeneca

L’Aifa, l’agenzia italiana del farmaco, ha vietato per precauzione l’utilizzo del lotto ABV2856 del vaccino anti Covid AstraZeneca: “Segnalati eventi avversi gravi in concomitanza con la somministrazione”. Il lotto è diverso da quello che ha causato la sospensione in diversi Paesi europei.

Aifa vieta lotto vaccino AstraZeneca

In Italia è stato vietato l’utilizzo di un lotto del vaccino AstraZeneca, diverso da quello che ha causato la sospensione in altri Paesi Europei, a seguito della segnalazioni di eventi avversi molto gravi sul nostro territorio. Si tratta dei casi di Stefano Paternò, militare 43enne di Corleone, e Davide Villa, poliziotto catanese 50enne, che sono deceduti entrambi alcuni giorni dopo aver effettuato la prima dose del vaccino.

A rendere nota la notizia è l’Aia, che ha spiegato che a causa di eventi avversi “in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi appartenenti al lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca anti Covid-19, ha deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo di tale lotto su tutto il territorio nazionale e si riserva di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l’Ema, agenzia del farmaco europea. Al momento non è stato stabilito alcun nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e tali eventi“. L’agenzia sta effettuando tutte le verifiche, “acquisendo documentazioni cliniche in collaborazione con i Nas e le autorità competenti. I campioni di tale lotto verranno analizzati dall’Istituto Superiore di Sanità. Aifa comunicherà tempestivamente qualunque nuova informazione dovesse rendersi disponibile“.